miércoles, 14 de enero de 2015

“Je suis Charlie Coulibaly”. Bufera in Francia sul comico Dieudonné



Parigi, 13 gen – La satira politicamente scorretta di Dieudonné ha nuovamente colpito l'opinione pubblica francese coinvolgendo, come spesso accade, ministri e istituzioni. Dopo la marcia di domenica sera a Parigi alla quale l'umorista ha partecipato, sulla sua pagina ufficiale di Facebook è comparso un post "Je suis Charlie Coulibaly", saldando il nome della rivista satirica colpita dall'attentato del 7 gennaio scorso a quello del terrorista Amedy Coulibaly autore del sequestro nel supermarket ebraico e morto egli stesso al termine dell'azione.

Alle polemiche tra gli utenti, divisi tra strenui difensori di e indignati, ha fatto seguito l'intervento del ministro dell'interno Cazaneuve. In una nota diffusa lunedì si legge: "le dichiarazioni abbiette di M. Dieudonné sulla propria pagina Facebook testimoniano irresponsabilità, sono irrispettose e dimostrano una propensione a suscitare l'odio e la divisione semplicemente insopportabili." Immediato l'eco del primo ministro Manuel Valls che ha ribadito le accuse di antisemitismo, razzismo e apologia di terrorismo, anticipando interventi duri non solo contro il terrorismo ma anche contro le "parole di odio".
La replica di Dieudonnè è come sempre affidata al web e ad una lettera che pubblichiamo di seguito in italiano, rivolta al ministro degli interni, in cui accusa le istituzioni francesi di trattarlo come un criminale. Da più di un anno infatti molte sono state le censure e i boicottaggi subite dall'inventore della "Quenelle", ai quali si sono aggiunti controlli fiscali, perquisizioni e inchieste. 

Eppure Dieudonné voleva solo far ridere, proprio come Charlie Hebdo.


Alessandro Catalano 
Versione italiana

Il famoso comico Dieudonné risponde al Ministro del Interno Bernard Cazeneuve: Ieri, eravamo tutti Charlie. Stavamo camminando tutti in piedi per le nostre libertà. In modo da potere continuare a ridere di tutto. Tutti i rappresentanti dello stato, lei compreso, stavano camminando insieme nella stessa direzione. Però quando sono tornato a casa, mi sono sentito molto solo. Da un anno, lo stato mi ha preso come bersaglio, e cerca di eliminarmi in ogni modo. Linciaggio mediatico, interdizione dei miei spettacoli, verifiche fiscali, ufficiale giudiziario, perquisizioni, accuse... Più di ottanta procedure giudiziarie si sono abbattute su di me e sulla mia famiglia. E lo stato continua a rovinarmi la vita. Ottanta procedure giudiziarie.

Da un anno, mi state trattando come se fossi il nemico pubblico numero uno, mentre io provo solo a fare ridere la gente, e farle ridere della morte, dato che la morte ride di noi, come lo sa Charlie, purtroppo. Anche se da diverse settimane ho proposto la pace più volte e sotto la vostra autorità, rimango però senza risposta da parte vostra. Però appena mi esprimo, non cercate di capirmi, non volete ascoltarmi. State solo cercando scuse per censurarmi. Mi state considerando come se fossi Amedy Coulibaly, invece io non sono per niente diverso da Charlie.

Si potrebbe pensare che le mie parole, a voi non interessino, salvo per male interpretarle, con cattiva fede, per indignarvi meglio.

Signor Ministro, siccome sembra che adesso lei mi stia ascoltando, le ricordo che: Io propongo la pace.

Dieudonné M'bala M'bala

_________________

Para un blog es muy importante que el lector haga el esfuerzo de clicar en los botones sociales "Me gusta", "Tweet”, “G+”, etc. que están por debajo o a lado. Gracias.

Per un blog è molto importante che il lettore faccia lo sforzo di cliccare sui tasti social "Mi piace", "Tweet", “G+”, etc. che trovate qui sotto o a lato. Grazie

3 comentarios :

  1. Sono state sufficenti una foto e due parole di comparazione da me pubblicate per essere ritenuto facile profeta.La tristezza sta nel fatto che tutto pare pescato dala commedia dell'Arte e ci sarebbe da sorridere purtroppo è drammaticamente reale

    ResponderEliminar
  2. Potrò sembrare paranoico, ma credo che una delle svariate cause di questo false flag, di CIA-MOSSAD-SERVIZI SEGRETI FRANCESI, oltre a tentare di mettere contro Cristiani/Arabi, sia proprio quello di istaurare una legge per regolare la libertà di Stampa.
    Quello che è successo oggi a Dieudonné M'bala M'bala , sta li a indicarcelo. Altro che la frase siamo tutti Charlie... quella era per i fessi.

    ResponderEliminar

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...