sábado, 3 de septiembre de 2016

Primo settembre a Caracas: evitato un massacro

Attilio Folliero, Caracas 02/09/2016

Il Ministro degli Interni del Venezuela, Nestor Reverol, in una conferenza stampa realizzata il 2 settembre ha segnalato che durante la giornata del primo settembre sono stati smantellati alcuni campi paramilitari nella zona di Tacagua, a pochi chilometri dal Palazzo Presidenziale; sono stati rinvenuti: materiale esplosivo, abiti militari ed armi da guerra, tra cui un fucile 553 con silenziatore e mira telescopica di alta precisione, di quelli usati dai franco-tiratori; un'arma che si pensava probabilmente di utilizzare per assassinare gente in maniera selettiva durante la concentrazione del primo settembre. Il Ministro ha anche ricordato che sono stati arrestati due importanti dirigenti d'opposizione, Yon Alexander Goicochea e Carlos Melo, entrambi trovati in possesso di materiale esplosivo.



La conferenza stampa del Ministro Reverol trasmessa da Globovision (in spagnolo)

Il primo settembre, il Presidente Maduro aveva segnalato l'arresto di 92 paramilitari colombiani a non più di 500 metri dal Palazzo Presidenziale (1).

Insomma il primo settembre era tutto pronto per generare il caos a Caracas e solo l'azione preventiva delle forze dell'ordine ha evitato un massacro.

Armi da guerra incontrate a Caracas il Primo settembre

Malgrado l'azione preventiva, non sono mancati gli incidenti, con 5 poliziotti feriti, durante la marcia dell'opposizione, nella zona orientale di Caracas.

Su Caracas, per la giornata del primo settembre, sono confluite migliaia di persone che hanno manifestato da un lato a favore del governo, e dall'altro a favore dell'opposizione.

Perché l'opposizione ha manifestato?

L'opposizione ha manifestato per chiedere l'attivazione del referendum revocatorio. Tutti sanno però che si tratta di una scusa. Va detto a beneficio di chi ci legge per la prima volta e che magari non conosce bene la realtà del Venezuela, che la Costituzione attuale prevede la possibilità di revocare il mandato al Presidente della Repubblica, al compimento della metà del suo mandato; ricordiamo anche che tale possibilità vale per qualsiasi incarico di natura elettiva. Ovviamente la legge prevede tutti i passi a compiersi per realizzare tale Referendum, a partire dalla data esatta in cui è possibile fare richiesta. 

Il periodo presidenziale dura 6 anni ed è iniziato il 10 gennaio 2013, quindi già l'11 gennaio 2016 l'opposizione poteva richiedere l'attivazione del referendum. Specifichiamo che l'attuale presidente Maduro è stato eletto ad aprile del 2013, a causa della morte del presidente Chávez, col fine di portare a termine il periodo presidenziale, che si considera iniziato sempre il 10 gennaio 2016.

La legge oltre a fissare la data d'inizio in cui richiedere il referendum, specifica che vi è un anno di tempo, dal momento del compimento della metà del mandato, per richiedere il referendum, ma aggiunge anche che nel caso in cui il referendum si realizza entro un anno dal compimento della metà del mandato, qualora il presidente fosse revocato viene indetto entro un mese una nuova elezione presidenziale; nel caso in cui il referendum si realizzasse passato l'anno, nel caso in cui il presidente fosse revocato, non si procederebbe ad una nuova elezione, ma il vicepresidente della repubblica porterebbe a termine il mandato.

Per indire il referendum il primo passo da compiere è la richiesta da parte di un numero di elettori non inferiore all'1% degli aventi diritto (attualmente 195.721 persone) al Consiglio Nazionale Elettorale (CNE) di aprire la procedura del referendum.

Una volta ricevuta la richiesta e comprovata l'autenticità delle firme, il CNE apre la procedura; a questo punto un numero di persone non inferiore al 20% degli elettori (circa 3,9 milioni) deve firmare la richiesta del referendum revocatorio. Ricevute queste firme e comprovata l'autenticità il CNE fissa la data del referendum.

Per revocare il mandato del presidente, così come di qualsiasi altro incarico elettivo, non è sufficiente che la maggioranza degli elettori voti per la revoca, ma è necessario che il numero a favore della revoca sia superiore al numero di voti presi dal presidente durante la sua elezione. Maduro è stato eletto con 7.587.579 voti, quindi per essere revocato l'opposizione deve prendere almeno un voto in più di questa cifra.

L'opposizione sa che non è facile e quindi non ha mai voluto realmente il referendum. Se lo avesse voluto, lo avrebbe attivato il primo giorno utile (11 gennaio 2016), invece di aspettare 4 mesi.

Non solo aspetta 4 mesi, ma quasi a voler rallentare le operazioni presenta circa due milioni di firme, invece delle circa 200.000 necessarie; una volta ricevute le firme, il CNE deve analizzarle tutte. Da questa analisi è risultato che un terzo erano false, con oltre 10.000 firme di persone decedute da tempo e decine di migliaia di firme false, incluse di minori, non aventi diritto al voto. Mentre il voto è segreto, le firme sono pubbliche; al momento della pubblicazione di queste firme è risultato che migliaia di persone hanno scoperto di essere tra i firmatari pur non avendo mai firmato e quindi sono scattate denunce penali contro gli organizzatori per falso in atto pubblico.

Tutto ciò non ha comunque fermato il processo referendario. L'opposizione accusa il CNE di rallentare le operazioni, ma in realtà sono i dirigenti della stessa opposizione che non hanno mai voluto questo referendum perché temono di non riuscire a vincerlo. E' vero che Maduro non gode di molte simpatie e difatti è fortemente avversato da una parte consistente del chavismo stesso; ma questa sinistra che lo avversa non voterebbe per un candidato di opposizione, per un candidato del neoliberismo.

In definitiva Maduro non suscita grossi entusiasmi, la maggioranza della popolazione lo avversa e tra questi anche una parte consistente della sinistra, che però non voterebbe mai a favore di un candidato neoliberale e molto probabilmente in un referendum revocatorio finirebbe per astenersi. Tutto questo l'opposizione lo sa e sa anche che per la via elettorale il gioco è praticamente chiuso. E' il motivo per cui non ha altra via che quella del caos, della violenza, del golpe.

Nota

(1) Url: http://www.informe24.com.ve/2016/09/ubicaron-un-campamento-de-paramilitares.html
_________________

Para un blog es muy importante que el lector haga el esfuerzo de clicar en los botones sociales "Me gusta", "Tweet”, “G+”, etc. que están por debajo o a lado. Gracias.

Per un blog è molto importante che il lettore faccia lo sforzo di cliccare sui tasti social "Mi piace", "Tweet", “G+”, etc. che trovate qui sotto o a lato. Grazie

No hay comentarios :

Publicar un comentario en la entrada

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...