lunes, 17 de abril de 2017

La caccia alle streghe: milioni di donne torturate e uccise dalla chiesa cattolica nell'arco di cinque secoli



Il santo terrorismo della chiesa

Fra il 1227 ed il 1235 fu instaurata l'Inquisizione contro le "streghe" e contro gli "eretici" con una serie di decreti papali.

Nel 1252 Papa Innocenzo IV autorizzò l'uso della tortura per estorcere "confessioni" di stregoneria da parte delle donne sospettate. Questo papa criminale alla sua morte fu sepolto nel Duomo di Napoli con una iscrizione che inizia con queste parole: Hic superis dignus, requiescit Papa benignus ...

Successivamente, Alessandro IV diede all'Inquisizione ogni potere di torturare ed uccidere, in caso di stregoneria coinvolgente l'eresia.

5 Dicembre 1484: Papa Innocenzo VIII emette la bolla “Summis desiderantes affectibus” sulle streghe, che ordinava di inquisire sistematicamente, per scoprire torturare e giustiziare le streghe in tutta Europa.

domingo, 16 de abril de 2017

Il Cristianesimo e le donne

Attilio Folliero, Caracas 16/04/2017

Vedasi anche:
Povere donne! Presento una serie di massime e affermazioni di importanti autori cristiani, come apostoli, teologi, santi e papi, raccolte da Dante Lepore. In sostanza una carrellata sulla violenza del potere (religioso) nei confronti delle donne. Ovviamente massime del genere sono riscontrabili in tutte le religioni, ma Dante Lepore si è volutamente limitato ad affermazioni cristiane e cattoliche che esprimono una "forma mentis".

Tali affermazioni, che abbracciano un arco di tempo storico che va dagli apostoli fino a Benedetto XV, permettono di evidenziare come la religione cristiana, tra tutte le religioni è quella che meglio sa occultare la sua immutabile caratteristica. Qualunque religione è oppio per i popoli, ma il cristianesimo è la religione che ha inventato l'ipocrisia, la doppia morale, vizi privati e pubbliche virtù. Non a caso, grandi pensatori come Agostino e Tommaso d'Aquino sanno essere anche... marxisti, se necessario. Tommaso per esempio è uno di quelli che dimostrano la validità della teoria del valore-lavoro.

Le vittime del conflitto armato in Colombia: 8.376.463

Attilio Folliero, Caracas 10/04/2017


Il 24 novembre 2016 il Governo nazionale della Colombia ed i rappresentanti della FARC, le Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia, hanno firmato la fine delle ostilità. Ufficialmente la guerra civile colombiana, iniziata nel 1964 con la costituzione della FARC, è durata 52 anni.

In realtà la guerra civile in Colombia inizia molto prima, il 9 aprile del 1948, giorno in cui è assassinato il leader liberale Jorge Eliécer Gaitán. In seguito all'omicidio di Gaitán esplode la rivolta sociale a Bogotà (conosciuta come Bogotazo), rivolta che si estende poi ad altre città della Colombia.

¡Arriba los pobres del mundo! (La Internacional)

Fuente: Circulos Internacionalistas de Zaragoza, 15/04/2017

Eugène Pottier
Una canción que desde finales del siglo XIX es emblema del movimiento obrero mundial: La Internacional. Sus creadores, su historia y sus diferentes versiones.

Su Historia

Para trabajadores de las más diversas procedencias y para los militantes del clasismo suele ser la canción más linda de todas. Anarquistas, socialistas, comunistas, trotskistas, maoístas, gremialistas de diferentes corrientes, defensores de la I, la II, la III o la IV Internacional… todos, aunque con variaciones en su letra en algunos casos, la hicieron propia a lo largo y ancho del mundo. Es una de las canciones con mayor despliegue territorial y temporal de la historia. Casi no existe lengua a la que no se la haya traducido. Su arraigo está unido a las ansias de liberación de pueblos enteros y al fin de la opresión del hombre por el hombre. Es la música hermanada a la revolución mundial, y llegó a ser himno de uno de los países que marcó al siglo XX: la URSS.


Las ideas de Marx


Vease:

Las ideas de Marx nunca han sido más relevante de lo que son hoy en día. Esto se refleja en la sed de la teoría marxista en la actualidad.

Es 130 años desde la muerte de Karl Marx. Pero ¿por qué debemos conmemorar un hombre que murió en 1883? A principios de 1960 el entonces primer ministro de Trabajo, Harold Wilson declaró que no hay que buscar soluciones en el cementerio de Highgate. ¿Y quién puede estar en desacuerdo con eso? En el cementerio mencionado sólo se puede encontrar huesos viejos y polvo y un monumento de piedra.

I giovani e il lavoro (Aldo Arpe)

Aldo Arpe, 29/03/2017 - Pagina Facebook di Aldo Arpe

Comunicato della Rete No War, della Lista No NATO e ISM-Italia sui pericoli di guerra incombenti

Comunicato Rete No War, Lista No NATO e ISM-Italia, 09/04/2017


Le dichiarazioni della rappresentante degli Stati Uniti al Consiglio di Sicurezza dell'ONU, secondo cui gli USA potrebbero scatenare un intervento militare diretto in Siria anche senza l'autorizzazione dell'ONU, le analoghe dichiarazioni bellicose della UE e della NATO, le minacce al Presidente siriano Assad di Israele e Turchia, prefigurano un drammatico scenario di guerra ed allontanano ogni soluzione alla crisi siriana e Medio Orientale.

Già nel 2013, in occasione di un presunto attacco chimico dell'Esercito Siriano alla periferia di Damasco, rivelatosi poi una  provocazione  organizzata dai gruppi terroristi in difficoltà per causare un intervento armato degli USA a loro favore, si sfiorò una guerra aperta con il coinvolgimento di varie potenze. Il precipitare della crisi fu evitato da un oculato intervento della diplomazia russa. Pur incolpevole, la Siria accettò di eliminare per intero tutto il suo arsenale di sostanze e armi chimiche.

Espartaco hace unos 2087 años y la censura actual (Bentaya)

Tamarant, Bentayga, 13/04/2017 

"Es la enfermedad del capitalismo, del espejismo consumista lo que lleva a los hombre y mujeres a devorarse entre si".

Unos 70 años antes de Cristo en Capua (Italia), se sublevaban los esclavos de una “escuela” que habían sido comprados para pelear como gladiadores, la revuelta fue encabezada por Espartaco y Crixo recorriendo gran parte de Italia y liberando a miles de esclavos, con los que formaron un gran ejército y derrotaron las milicias enviadas por Roma.

Lo cierto es que Espartaco no es que quisiera destruir el poder romano, lo que quería era salir de Italia a otras tierras donde pudieran ser libres, pero fueron traicionados por los piratas cilicios, viéndose forzados a luchar contra varias legiones romanas, en cabezadas por Lúculo, Pompeyo y Crasso, frente a los cuales y a causa de la división; pues Crixus decidió romper y marchase por su lado lo cual al poco tiempo fue aniquilado por las legiones romanas, viéndose reducido de forma considerable el ejército de Espartaco, el cual también fue derrotado y los prisioneros todos crucificados por orden de Marco Licinio Craso a lo largo de la Vía Appia, siendo Espartado el primero en ser crucificado. Fue la venganza de Crasso para aterrorizar a los esclavos, a los pueblos que osaran revelarse contra Roma.

sábado, 15 de abril de 2017

Malafemmena in omaggio a Totò in occasione dei 50 anni della morte (15 aprile 1967-15 aprile 2017)

Attilio Folliero, Caracas 04/03/2017


A 50 anni dalla morte di Totò

Il 15 aprile si compiono 50 anni dalla morte di Antonio de Curtis, in arte Totò. Nato a Napoli, al rione Sanità il 15 febbraio del 1898, Totò è morto a Roma il 15 aprile del 1967.


La notizie della morte di Totò nel telegiornale della RAI ed i funerali a Napoli


L'orazione di Nino Taranto al funerale di Totò

In omaggio a Totò, uno dei più grandi artisti italiani, attore, poeta, musicista propongo "Malafemmena", sicuramente la sua canzone più famosa, nella versione originale cantata da Mario Abbate.

domingo, 9 de abril de 2017

En medio del océano (Cecilia Laya)

Cecilia Laya, Espacio Literario, Carcas 09/04/2017

Vease
Cuando llegue a la isla estaba feliz y fascinada con aquel paraíso caribeño, desempaque deje las cosas y fui al bar, estando allí recibí el mensaje de mi hermana, informando sobre su enfermedad maligna.

Apenas leí el mensaje, todo se vino abajo, felicidad, animo y alegría.

Me retire a la habitación, no cene y dormir muy poco. Al día siguiente luego del desayuno y muy entristecida, me fui al mar a nadar, ver los colores del caribe y quemar mis pies sobre la arena ardiente.

Entre a las tibias y cristalinas aguas, camine dentro del mar, me detuve, pensé, llore, respire profundo, cerré mis ojos y me sumergí en el agua, salí y de repente me encontré en el medio del mar, apenas logre ver a los lejos el hotel, mas que asombrada, estaba asustada, me hacia preguntas que no podía responderme.

Ese extraño objeto (Cecilia Laya)

Cecilia Laya, Espacio Literario, Carcas 09/04/2017

Vease
La Casa Rectoral siempre me pareció una funeraria, sus pasillos decorados con imágenes y cuadros de santos católicos, baúles, muebles y lámparas, todo ambientado al estilo colonial, enmarcado en un silencio que se adueñaba de todos los espacios y rincones.

Llamaba mi atención una puerta que nunca abrían, incitando a mi curiosidad por saber que custodiaban en ese espacio secreto.

sábado, 8 de abril de 2017

Habla con Gian, il Blog di Gian Luca Valentini (Blog consigliato)

Attilio Folliero, Caracas 08/04/2017
http://glvart.blogspot.com/
Habla con Gian è un ottimo blog diretto dal regista Gian Luca ValentiniUna redazione di 14 persone scrive articoli o seleziona le migliori notizie del web. Inoltre, gli amanti del cinema e della musica trovano classifiche e recensioni riguardanti appunto il mondo del cinema e della musica.

E' un "Blog" decisamente anticlericale, graffiante e irriverente verso il potere. Da quando ho scoperto questo blog l'ho sempre seguito; mi piace e lo consiglio vivamente. Indirizzo: http://glvart.blogspot.com/.

jueves, 6 de abril de 2017

Entrevista de RT al roquero venezolano Paul Gillman que explica lo revolucionario que es el Rock. En la entrevista revela la razón por la que Chávez rompió a llorar ante sus ojos (Russia Today)

Erika Ortega Sanoka, Russia Today, 31/10/2016

Leer tambien
- De charla con el metalero favorito de Hugo Chávez
- La musica de Paul Gillman

Sus canciones hicieron llorar al comandante Chávez, y durante la Cuarta República, junto con Alí Primera, arriesgó su vida saliendo al escenario con su música revolucionaria. El roquero venezolano Paul Gillman revela, en una entrevista a RT, qué promesas le hizo Hugo Chávez cuando aún no era presidente; por qué el rock siempre ha sido la gran piedra en el zapato para el gobierno de EE. UU. y quién está realmente tras las muertes de Jim Morrison, Jimi Hendrix, Janis Joplin y John Lennon.

El roquero venezolano Paul Gillman ha declarado a RT que su canción 'Levántate y pelea' hizo llorar al comandante Hugo Chávez antes de ser presidente.

Gillman le habló sobre las represiones que los roqueros estaban sufriendo en el país "antes de que Venezuela lo viera llorar en vivo en un 'Aló Presidente' hablando de su hermano".


El negocio de Occidente en la silenciada guerra en Yemen (RT)

María Jesús Vigo Pastur, Russia Today, 06/04/2017

Otros articulos sobre Yemen

Invito mis lectores a hacer una donacion a Solidarios sin Fronteras en favor de Yemen. 

Pueden visitar la pagina Facebook de Solidarios sin Fronteras y AYUDA A YEMEN

Entrevista a Solidarios Sin Fronteras, la única ONG española que trabaja en Yemen, el país con la mayor emergencia humanitaria del mundo.

"Yemen es la guerra silenciada por el mundo, la guerra que Occidente se esfuerza en ocultar a base de no informar sobre ella, a base de no mostrar imágenes de lo que allí ocurre, a base de vender la idea de que 'es un tema de ellos', de no permitir que el mundo sepa lo que está ocurriendo. Esa guerra que Occidente ignora en sus telediarios, en las portadas de la prensa más conocida, esa guerra en la que juega a no ser contrincante, pero en la que está metido hasta el cuello, dispuesto a no perder ni un ápice de su poder, ni un petrodólar por la de compra-venta de armas y sus contratos millonarios".

miércoles, 5 de abril de 2017

¿Para qué sirve la OEA? (Sergio Rodríguez Gelfenstein)



El problema de fondo no es que haga hoy o mañana la OEA con éste u otro secretario general, quien finalmente tiene que hacer lo que Estados Unidos dice si quiere mantener su cargo. Como recordó la Canciller Delcy Rodríguez, el 60% de los recursos de funcionamiento de la OEA provienen de Estados Unidos. Hace unos años, cuando la Organización de Naciones Unidas para la Educación, la Ciencia y la Cultura (Unesco) tomó medidas favorables al desarrollo cultural de los países del mundo subdesarrollado y en particular de Palestina, Estados Unidos y Gran Bretaña amenazaron con retirarse y lo hicieron, ejerciendo un vulgar chantaje contra el mundo.

martes, 4 de abril de 2017

India: solidarietà agli operai della Suzuki Maruti in lotta! (SiCobas)

Fonte: SICOBAS, 04/04/2017

Il SI Cobas denuncia la gravissima repressione (ergastolo a 13 dirigenti sindacali e carcere lungo per altri 18, licenziamento di 2.500 lavoratori) contro gli operai della Maruti-Suzuki di Manesar (India) ad opera del gruppo automobilistico multinazionale, sostenuto da governo e magistratura, e aderisce all’appello del Coordinamento Internazionale dei Lavoratori dell’Automobile, cui partecipa e dà il proprio sostegno, per iniziative di protesta per la scarcerazione dei militanti sindacali Maruti-Suzuki.

Esprimono solidarietà in particolare i 5 lavoratori della FCA di Pomigliano Marco Cusano, Roberto Fabbricatore, Massimo Napolitano, Mimmo Mignano e Antonio Montella, ingiustamente licenziati, reintegrati dal giudice, ma non riammessi al lavoro, e il coordinatore nazionale del SI Cobas, Aldo Milani, ingiustamente arrestato sulla base di una montatura padronal-poliziesca per e sottoposto ad obbligo di dimora.

Esecutivo Nazionale SI Cobas
 

lunes, 3 de abril de 2017

Ecuador: Lenin Moreno è Presidente. Sconfitto il Banchiere (Selvas)

Fonte: Selvas, 03/04/2017

La "Revoluciòn Ciudadana" iniziata dieci anni fa con la presidenza di Rafael Correa continuerà il suo corso. Il movimento bolivariano internazionale ha conservato uno dei suoi bastioni più solidi, respingendo le manovre sinuose dell'arroganza neoliberista che -sia dall'interno che dall'esterno del Paese sudamericano- fa ricorso alle consuete manovre illecite ed eterodosse. L'Ecuador si conferma come base strategica del Triangolo Bolivariano, al lato del Venezuela e Bolivia, conservando pertanto la capacità di praticare iniziative regionali anti-egemoniche. Non c'è posto per banchieri alla presidenza dell'Ecuador, così si sono espressi gli ecuadoriani.

Lo que hizo Estados Unidos para derrocar a Hugo Chávez (Documentos desclasificados)

Fuente RT, 01/04/2017 - Via La Iguana TV y Selvas

"Ningún otro país ha sufrido el peso del aparataje ideológico de EE.UU. como Venezuela", afirma al investigador noruego Eirik Vold.

Vold hizo esta afirmación durante una videoconferencia transmitida desde su país ante un auditorio en Caracas durante el evento 'Venezuela Digital 2017', celebrado en la capital venezolana.

Este joven escritor especializado en geopolítica ha realizado una extensa investigación sobre documentos desclasificados y publicados por WikiLeaks sobre América Latina entre 2004 y 2010.

I crimini dell'Esercito Tedesco in Italia durante la II Guerra mondiale. “Che gioia uccidere gli italiani”, i racconti shock della Wehrmacht (Amanti della storia)


Invasione della Polonia
Alcuni anni fa due storici tedeschi hanno raccolto in un libro da più di 500 pagine le conversazioni quotidiane registrate dai servizi segreti alleati durante il conflitto. Le informazioni vennero originariamente raccolte durante un’operazione segreta volta a svelare la psicologia del nemico.

L’enorme materiale prodotto è stato così analizzato dagli storici Neitzel e Welzer – oltre 150mila le pagine di archivio dell’Intelligence Service britannico e di quello statunitense – ed ha fornito nuove prove della brutalità nazista o se si vuole citare Hannah Arendt della “Banalità del Male”.

domingo, 2 de abril de 2017

I libri che smontano il mito del colonialismo buono degli italiani (I crimini dell'Esercito Italiano al tempo delle colonie)

Fonte: Igiaba Scego, Internazionale, 01/04/2017

Vedasi anche:
- I crimini degli Angloamericani in Italia durante la II Guerra Mondiale

Nota di Attilio Folliero: Tutti gli imperialisti commettono crimini. In guerra tutti gli eserciti commettono crimini contro l'umanità. Non esistono eserciti buoni. Non esistono paesi coloniali buoni. Non esistono eserciti d'occupazione giusti. Non esistono eserciti di liberazione. Tutti gli eserciti sono sempre al servizio degli interessi della loro classe dominante

Una nave della marina miliare italiana
diretta in Nordafrica, nel canale di Suez,
1937 circa. (Archivio Gbb/Contrasto)
La sera del 21 marzo 2017 la sala del cinema Farnese a Roma è piena. I giovani sono molti.

L’occasione d’altronde è di quelle da non perdere: la proiezione del documentario di Raoul Peck I’m not your negro, basato su uno scritto inedito di James Baldwin. Il documentario ripercorre con intelligenza e sentimento la stagione afroamericana dei diritti civili e le vicende di tre personaggi – Malcolm X, Martin Luther King, Medgar Evers – uccisi per il loro impegno contro il razzismo. Peck è un regista che non dà tregua. Ogni fotogramma è un invito a non abbassare la guardia, a non nascondersi dietro il velo del conformismo.

Il riscaldamento globale è una farsa (Hackthematrix)

Fonte: Hackthematrix, 31/03/2017

Il cofondatore di Weather Channel, John Coleman, durante un intervista alla CNN ci dice testuali parole: ”Salve a tutti! Non c’è il riscaldamento globale. La CNN ha adottato una posizione molto rigida rispetto al riscaldamento climatico che è condivisa. Bene, nella scienza non esiste il consenso. La scienza non è voto, la scienza si riferisce ai fatti e se uno si attiene ai fatti nudi e crudi, non c’è nessun dubbio. Il cambiamento climatico non si sta producendo. Adesso non c’è un riscaldamento globale significativo causato dall’uomo. Non c’è stato nel passato e non c’è motivo di aspettarselo per il futuro. Ci sono un sacco di sciocchezze rispetto a questo. E, si, si è convertito in un grande tema politico per il Partito Democratico e per parte della sua piattaforma. Mi dispiace che sia diventata una questione politica invece che scientifica”.

sábado, 1 de abril de 2017

11 settembre, desecretate 28 pagine del rapporto: governo saudita sotto accusa (Infiltrato)

Vi proponiamo, in esclusiva, le 28 pagine desecretate del rapporto redatto dal governo americano sugli attentati dell’Undici Settembre 2001. Ecco le prove del coinvolgimento dell’Arabia Saudita nel crollo delle Torri Gemelle.

La Commissione Intelligence della Casa Bianca ha desecretato le 28 pagine, fino ad ora censurate, del rapporto redatto dagli Usa sugli attentati del 9/11.

Ricordiamo che 15 attentatori su 19 provenivano dall’Arabia Saudita.

E il rapporto rivela, senza ombra di dubbio, il coinvolgimento diretto del governo e dell’intelligence saudita nel crollo delle Torri Gemelle:

martes, 28 de marzo de 2017

Cuba oggi: Prospettive politiche ed economiche (Anika Persiani)

Anika Persiani, L’Avana 27/03/2017


Sfatiamo prima di tutto il mito della revoca dell'embargo a Cuba e delle leggi a questo collegate. Niente è cambiato da quel 17 dicembre 2014, da quando Obama rilasciò i cinque eroi cubani (imprigionati negli Stati Uniti con l'accusa di spionaggio), barattandoli con il contractor americano Alan Gross, rilasciato da Raul Castro.

Il Presidente americano sapeva benissimo che il congresso non avrebbe mai votato per la revoca del bloqueo ma, essendo a fine mandato, si è dato il lusso di fare un gesto di apertura apparente per illudere i più; poi, per vanità personale, ha mosso i doppi fili politici portando avanti una farsa e passando comunque alla storia come il presidente che ha aperto il dialogo con Cuba e che ha inviato il Primo Segretario John Kerry ad issare la bandiera a stelle e strisce sull'asta dell'ambasciata americana dell'Avana.

domingo, 26 de marzo de 2017

Presidio della Rete No War a Piazza San Pietro a due anni dall'inizio dei bombardamenti nello Yemen

Attilio Folliero e Marinella Correggia, 26/03/2017 - Aggiornato 28/03/2017


Il 26 marzo del 2015 iniziavano i bombardamenti dell'Arabia saudita sullo Yemen. Oggi, per ricordare i due anni di bombe sullo Yemen, in numerose città del mondo si sono svolti presidi e manifestazioni. Nella città di Sanaa ha partecipato una folla oceanica. C'è da dire che malgrado le notizie tremende che arrivano ogni giorno dallo Yemen le coscienze non si smuovono.

Tra l'altro l'Arabia Saudita ha fieramente dichiarato di aver sganciato sullo Yemen ben 90.000 bombe, che hanno provocato oltre 10.000 morti e un enorme numero di feriti. 

E mentre i governi occidentali continuano a rifornire di armi i Saud, il popolo dello Yemen muore di fame e di stenti anche a causa del blocco navale attuato dai sauditi e suoi alleati, blocco che ovviamente ostacola l'arrivo nel paese di aiuti alimentari; un milione di yemeniti stanno soffrendo di fame e ben 60.000 bambini sotto i cinque anni sono morti di fame, di stenti o per malattie facilmente curabili senza questo blocco, senza questa guerra.

Trattati di Roma: cosa sono e perché sono stati celebrati (Il Post)

Fonte: Il Post, 25/03/2017

I trattati di Roma sono due tra i documenti più importanti per il funzionamento dell’Unione Europea e oggi se ne celebra il 60esimo anniversario. In queste ore i leader di 27 fra i paesi dell’Unione (tutti tranne il Regno Unito) si trovano a Roma per festeggiarne l’anniversario. I trattati di Roma furono firmati il 25 marzo del 1957 nella Sala degli Orazi e Curiazi di Palazzo dei Conservatori, che attualmente ospita i Musei capitolini: erano presenti i rappresentanti dei governi di Francia, Germania Ovest, Italia, Belgio, Paesi Bassi e Lussemburgo. Fuori, sotto la pioggia, una folla di persone aspettava che la firma venisse ufficializzata per festeggiare. Fu un momento molto importante, da molti considerato alla stregua della “nascita” dell’Unione Europea, che si realizzò nel 1992 con il Trattato di Maastricht.

Deir ez Zor, Siria. Un nome che dovrebbe far vergognare tutto l’Occidente

A cura di Enrico Vigna, Saker Italia, 14 marzo 2017

Una catastrofe umanitaria nascosta, la complicità verso una tragedia ignobile

Padre Elias Janji, prete armeno cattolico siriano sui mezzi di informazione occidentali: “I media europei ci hanno tradito, non dicono la verità”.

Deir ez Zor o Deir Ezzor, una città nel governatorato omonimo della Siria orientale, era la settima più grande città del Paese; situata a circa 450 km da Damasco, situata sulle rive del fiume Eufrate, aveva circa 215.000 residenti. La maggioranza dei suoi abitanti è formata da arabi musulmani, oltre a una forte e radicata comunità armena siriana; a Deir ez Zor convivevano tutti insieme sunniti, assiri siriaci, arabi e kurdi e cristiani.

Siria resiste (Video)

Marinella Correggia, 21/03/2017



¡A mirarnos en el espejo de Siria! (Carlos E. Lippo)

Carlos E. Lippo, Ensartaos 25/03/2017


Como es sabido por muchos, Siria es un pequeño país localizado en el Medio Oriente que tiene como límites: Turquía al norte; Iraq al este; Jordania al sur y el Mar Mediterráneo, Líbano e Israel, al oeste. Siria advino a su independencia de manos de Francia en 1946, pero no fue sino hasta 1963 que adoptó su actual sistema de gobierno republicano. Su Constitución define su modelo político como una República Democrática, Popular y Socialista.

sábado, 25 de marzo de 2017

I crimini dimenticati degli Angloamericani. La Sicilia e l’Italia meridionale durante l’invasione alleata nella Seconda Guerra Mondiale (Intervista di Federico Dal Cortivo allo storico siciliano Giovanni Bartolone autore del libro “Le altre stragi”)

Federico Dal Cortivo, Italiasociale, 29/10/2012

Vedasi anche: Federico Dal Cortivo presenta il libro di Fabrizio Carloni sui crimini dimenticati delle truppe francesi in Italia

Federico Dal Cortivo ha intervistato lo storico siciliano Giovanni Bartolone (*) autore del libro revisionista “Le altre stragi”, da anni impegnato in ricerche sullo Sbarco alleato in Sicilia, la Mafia e la Seconda Guerra Mondiale.

D: Prof. Bartolone, oggi assistiamo alla sistematica violazione delle più elementari norme di comportamento in caso di guerra da parte degli Stati Uniti e dei suoi Alleati della Nato, a farne le spese le popolazioni afghane e libiche e prime ancora quelle irachene, serbe, somale, vietnamite ecc. Tutto cade nell’oblio mediatico, non se ne parla e al massimo è giustificato come “danni collaterali”. Eppure questo è già accaduto in Europa e nel nostro caso in Italia, dopo che le forze d’invasione Alleate furono sbarcate in Sicilia con l’Operazione denominata Husky (Colosso) nella notte tra il 9 e il 10 luglio 1943, 2500 navi e mezzi da sbarco, ottanta battaglioni di fanteria, 400 carri armati, 14000 veicoli e 1800 pezzi d’artiglieria. Sette le divisioni di fanteria, tre britanniche, una canadese e tre statunitensi, una divisione corazzata Usa, due brigate corazzate britanniche e una canadese, più truppe aerotrasportate e forze speciali, più ingenti forze aeree e navali. Lei descrive tutto questo nel suo libro “Le altre stragi”. Numerosi furono i crimini di guerra compiuti dai soldati angloamericani e canadesi, ma al seguito vi erano anche indiani, sudafricani, australiani neozelandesi, polacchi, truppe di colore francesi, greci, polacchi e anche brasiliani. Prima di addentrarci nello specifico ci illustri la situazione tattica e strategica in cui si trovava in quell’estate del 1943 lo scacchiere del Sud Italia.

I crimini dimenticati del corpo di spedizione francese in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale (Federico Dal Cortivo presenta il libro di Fabrizio Carloni sui crimini delle truppe francesi in Italia)

Federico Dal Cortivo, Digilander, 18/02/2006

Vedasi anche: I crimini dimenticati degli Angloamericani in Sicilia e nell'Italia meridionale.

Nota di Attilio Folliero, Caracas 25/03/2017. Riporto questo articolo di Federico Dal Cortivo in cui si denunciano i crimini dimenticati delle truppe francesi in mezza Italia, durante l'invasione alleata nella Seconda Guerra Mondiale. La denuncia prende spunto dalla presentazione del libro di Fabrizio Carloni (1) intitolato "Il corpo di spedizione francese in Italia 1943-1944", Mursia Editore, 2006. Il tema dei crimini commessi dagli Alleati in Italia durante la Seconda Guerra Mondiale è praticamente stato rimosso sia dalla coscienza collettiva, sia dai libri di storia. E' bene parlarne perché i crimini contro l'umanità non possono essere sottaciuti, accantonati o dimenticati.

Dalla presentazione di Federico Dal Cortivo

Il perchè gli alleati chiesero aiuto alla Francia dopo lo sbarco in Sicilia, va ricercato nelle perdite notevoli che questi avevano già subito nel teatro italiano, dovute anche alla presenza di numerose malattie infettive che si propagavano con estrema facilità tra la truppa. Alla fine del 1943 la 5° Armata di Clark aveva subito perdite per 40.000 uomini, tra morti e feriti, oltre a 50.000 soldati messi fuori combattimento dalle malattie, molte di tipo sessuale e stress da combattimento. L’Ottava Armata britannica aveva perso 12.500 uomini a causa della malaria e 6.400 in battaglia.

viernes, 24 de marzo de 2017

Perché le superstizioni sopravvivono a dispetto della scienza (A proposito della Sindone, un articolo di Dante Lepore)

Dante Lepore, PonSinMor, 06/05/2010
NOTA. È importante e utile precisare che il brano che segue è tratto da un libro scritto nel 1999 (*). A sua volta esso fa riferimento a fatti e personaggi di dodici anni prima. Ciò non toglie nulla, anzi aggiunge forza alle sue argomentazioni.

«[…] Basterebbero queste poche considerazioni sulle vicissitudini, un po’ beffarde, di questa antica idea [l’anima], per far luce sulla sua natura materiale. Ma esse non sono sufficienti a sradicare la superstizione, né i rituali macabri connessi, in un’epoca e in un paese del mondo come l’Italia, in cui persino le statue grondano lacrime e sangue! (1)

Basti pensare che un sindaco partenopeo (2), militante di un partito che si denominava “comunista”, si lascia riprendere dalle cineprese nell’atto di baciare l’ampolla contenente una sostanza presentata come la reliquia del sangue di S. Gennaro, offertagli per l’occasione da un cardinale (3in odore di un vizio tanto deprecato dalla chiesa e sinonimo di giudaismo, come l’usura.

martes, 21 de marzo de 2017

David Rockefeller ha dejado este Mundo (Video de Jose Luis Camacho de Mundo Desconocido)

Jose Luis Camacho, Mundo Desconocido, 21/03/2017


Attilio Folliero, Caracas 21/03/2017: Publico este video de Jose Luis Camacho sobre la muerte de David Rockefeller porque revela cosas muy importantes sobre este personaje. Por ejemplo, revela que la Fundación Rockefeller financio a GreenPeace, otra organizacion que "lucha" supuestamente por los derechos humanos y en particular por el derecho a un ambiente sano; otra organizaciòn que nosotros hemos definito en italiano "I mercenari dei diritti umani", "Los mercenarios de los derechos humanos".

El magnate y conocido banquero David Rockefeller, ha fallecido, en el siguiente video, hacemos un recorrido por su vida y el “legado” que a la humanidad a dejado. El Mundo será distinto sin David Rockefeller… seguro que si.

Roland Denis en exclusiva: “Ya es tarde para la crítica, este gobierno está muerto” (Entrevista de Clodovaldo Hernández a un revolucionario sincero)

Clodovaldo Hernández, La Iguana, 19/03/2017

Attilio Folliero, Caracas 21/03/2017: Publico esta entrevista a Roland Denis porque decisamente aclara la situación en Venezuela. Hace pocos dias, el 16 de marzo, otros revolucionarios venezolanos, Toby Valderrama y Antonio Aponte hablaban del giro fascista de Maduro y del peligro que este gobierno supondria por los revolucionarios y quien, desde la izquierda, crtica abiertamente su actuacion. Escribian Valderrama y Aponte: "... El gobierno, desesperado por permanecer, da pasos acelerados hacia territorio fascista". En la izquierda venezolana, marxistas, comunistas y socialistas, revolucionarios sinceros levantan una fuerte critica a la actuacion de un goberno, cuya principal finalidad parece hacer frente a los compromisos internacionales, al pago de la inmensa deuda publica que ha venido acumulando. Es de hoy la noticia que el gobierno venezolano, en este 2017, cancelerà 17.000 millones de dolares de deuda en vencimiento. Volviendo a la entrevista de Roland Denis, el tiene una visión bastante pesimista acerca de lo que está por ocurrir en Venezuela en los próximos tiempos. Él considera que el gobierno de Maduro ya es de derecha y que se está preparando el terreno para que las fuerzas propiamente neoliberales tomen el poder.

Roland Denis es un revolucionario crítico, pero no de la camada más reciente, sino de una que lleva años de disidencia, luego de haber sido viceministro de Planificación a principios del gobierno del comandante Hugo Chávez.

Licenciado en Filosofía, antiguo militante del movimiento Desobediencia de los años 80, este hombre que en su adolescencia dejó de usar el oligarca apellido Boulton, explicó en entrevista exclusiva para LaIguana.TV dónde se originan las desviaciones que, en su concepto, arrastra el proceso revolucionario venezolano.

domingo, 19 de marzo de 2017

Schiavi né vecchi né nuovi: «iSlaves» o «Schiavi 2.0». Nel regno della schiavitù supertecnologica (Dante Lepore)

Dante Lepore, 18/03/2017 - Estratto in anteprima dal Cap. V del libro "Schiavitù del terzo millennio"

Vedi anche "Italia: si è arrivati a pisciarsi addosso per paura di perdere il lavoro"

Nota di Attilio Folliero, Caracas 19/03/2017. Pubblico in anteprima, col consenso dell'autore, questo estratto del Cap. V del libro "Schiavitù del terzo millennio" per l'enorme importanza e l'attualità che riveste il tema trattato. Io vivo in Venezuela e qualcuno qua pensa che i lavoratori europei, statunitensi, i lavoratori dei paesi altamente sviluppati siano dei privilegiati, con orari di lavoro ridotti, tantissimi giorni di ferie, permessi retribuiti a non finire; pensano che le donne, quando rimangono incinte, abbiano diritto a non si sa bene quanti mesi di permesso retribuito prima e dopo il parto e lo stesso permesso viene esteso anche ai mariti. Insomma il lavoro nei paesi sviluppati è visto come una specie di hobby. Recentemente ho avuto una discussione in Facebook con qualcuno che ha postato tutti i benefici, o meglio i presunti benefici di cui godrebbero i lavoratori italiani. Questo libro interviene a fare chiarezza. Il lavoro salariato è sempre stato duro ed oggi, come mai nella storia, è ancora più duro. Con la caduta progressiva dei saggi di profitto, il capitale non fa altro che aumentare lo sfruttamento del proletariato, con turni di lavoro sempre più massacranti e riducendo e smantellando, col consenso dei politici di turno, quei diritti che i lavoratori avevano ottenuto con anni di dure lotte, scioperi, morti, feriti, denunce e condanne a lunghissime pene detentive.

Cap. V. Schiavi né vecchi né nuovi: «iSlaves» o «Schiavi 2.0». Nel regno della schiavitù supertecnologica 

Confesso che ci ho impiegato un po’ a capire cosa fossero gli «iSlaves» e tutto ciò che è «2.0» o, come pure si scrive, «due punto zero». Poi sono dovuto entrare (virtualmente, s’intende!) in Foxconn e in Amazon… (chiamata pure la …4.0, ma qui mi fermo davvero!) ed ho capito la stupidità di questo linguaggio che, usato dalla propaganda, ancora una volta, evita, finché può, di contrassegnare gli elementi di questa figura sociale dello schiavo degli anni dal 2000.

Due attentati e la morte provocata del Comandante Chávez (Numa Molina)

Numa Molina, 14/03/2017 - Originale in spagnolo pubblicato da AporreaTradotto in italiano da Ciro Brescia per ALBAinformazione
Dopo un viaggio piuttosto lungo sono arrivato in un piccolo paese della regione Lazio al sud di Roma, dove ho incontrato Mary Pace che è stata un’agente della intelligence italiana per 45 anni.

Mary è giornalista, ha pubblicato tredici libri ed ha una vastissima esperienza in tema di sicurezza a livello internazionale. Sostiene di essere stata la persona che ha dato alla CIA le coordinate dove si trovava Osama bin Laden per il quale il governo USA offriva un’alta somma di denaro come ricompensa che non è mai stata consegnata.

L’esperta in intelligence possiede una ricerca su due attentanti contro “il Comandante Eterno, Hugo Chávez”, come testualmente lo definisce nel suo ultimo libro che si intitola Incazzata nera. In questa opera spiega come il cancro che ha causato la morte del Presidente sia stato provocato. Pace fa anche riferimento alla vita di altri politici già deceduti, tra questi Muammar Gheddafi ed altri personaggi importanti che sono stati eliminati dal terrorismo statunitense.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...