sábado, 4 de febrero de 2017

Italia: In arrivo patrimoniale forzosa su immobili e conti correnti. Salasso da 400 miliardi (Roberto Casalena)

Roberto Casalena, 03/02/2017 - Fonte: L'Economico - Via Il Sapere è potere

Invito a leggere anche i seguenti articoli di Attilio Folliero:

La Troika  (Bce, Fmi, e UE) è in arrivo, spinge l’Italia al varo di una cruenta patrimoniale rispettivamente del 15% e del 10% su immobili, c/c, e sulle attività finanziarie. 

Apripista è stata Cipro, a ruota Grecia, Portogallo e Spagna. Ora sembra scoccare l’ora X anche per l’Italia, del salasso finale. Bruxelles ha chiesto di correggere i conti per 3,4 miliardi di euro, lo 0,4% del Pil, siamo all’aperitivo, una manovrina da varare entro Aprile, al di là delle dichiarazioni di facciata di Padoan e del premier Gentiloni.

Il ministro del Tesoro, già a Giugno scorso, rassicurava così gli italiani: “In due anni il sistema bancario italiano è diventato più solido, grazie a riforme, gestione delle sofferenze, fusioni ed acquisizioni”. Si è visto poi, come è andata a finire. Bail in per quattro banche, l’intervento di Stato per Mps per 8 miliardi, e 3,5 mld per Veneto Banca, ed altro accadrà ancora. Unicredit, intanto, sta tentando un aumento di capitale da 13 miliardi, ma bisognerà vedere chi degli azionisti forti sottoscriverà, e come risponderà il mercato dei piccoli azionisti, che sono espressione della maggioranza del capitale. 

Tornando ai 3,4 miliardi richiesti dall’Europa, tale somma sarà sicuramente rattoppata con l’aumento delle accise su prodotti petroliferi, e sigarette, e tagli lineari sulla spesa pubblica. Ma il peggio deve ancora venire. Infatti, nella prossima finanziaria,  causa mancanza di crescita del Pil, si dovranno racimolare almeno 43 miliardi di euro. Ed allora ecco riemergere l’idea  della patrimoniale. Su 5.000 miliardi di valore comparto immobili consegnerebbe alle casse dello Stato 650 miliardi, i prelievi sui c/c per altri 60 mld (la liquidità è di 600 mld), e quelle sulle attività finanziarie (oltre  700 mld). 

Così, il debito scenderebbe dal 140% al 100% del Pil, ed i politi festeggerebbero per garantirsi i loro lauti stipendi e pensioni d’oro. Cipro e Grecia sono già state spolpate dalla Germania. Ora siamo noi ad esser consegnati agli squali della grande finanza internazionale.
_________________

Para un blog es muy importante que el lector haga el esfuerzo de clicar en los botones sociales "Me gusta", "Tweet”, “G+”, etc. que están por debajo o a lado. Gracias.

Per un blog è molto importante che il lettore faccia lo sforzo di cliccare sui tasti social "Mi piace", "Tweet", “G+”, etc. che trovate qui sotto o a lato. Grazie

1 comentario :

  1. con 700 miliardi ci compriamo i titoli del debito in mano a investitori stranieri e ce ne freghiamo del rapporto debito / pil, facciamo come il Giappone che ce l' ha al 200%.

    ResponderEliminar

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...