jueves, 5 de abril de 2007

Le cretinate de "La Stampa"

Attilio Folliero, 05/04/2007

Ancora una volta la Stampa, il giornale della famiglia Agnelli e della FIAT esce con un articolo che definire una cretinata è poco. Verrebbe da usare ben altro termine, che per rispetto dei lettori non utilizziamo.

L'articolo, che riportiamo in calce, si intitola "Chávez contro l'alcol, il popolo contro Chávez". A parte la solita stonante accusa di populismo, che dimostra tutta l'ignoranza dell'anonimo autore (l'articolo non è firmato) sulla realtà venezuelana, parteggiare per la diffusione dell'alcol è veramente assurdo.

L'alcol è di fatto uno dei mali di questo paese, la causa di tanti incidenti stradali e non solo. Lo stesso anonimo articolista asserisce, in chiusura dell'articolo, che il Venezuela è al primo posto in America latina per il consumo di birra e ai primissimi per quello di alcolici in generale. Allora, non è normale che un Governo serio pensi di porre dei rimedi ad uno dei peggiori mali sociali del proprio paese? Quale modo migliore, se non riducendo i consumi? Di fronte ad un male sociale cosi evidente un Governo che dovrebbe fare? Starsene con le mani in mano? Oppure in nome del Dio consumo (dell'alcol) permettere che la popolazione (la parte dedita all'alcol) continui ad ubriacarsi, ammazzarsi ed ammazzare? Non è logico intervenire per tentare di arginare il problema?

Inoltre, per continuare la tesi dell'articolista che scrive ignorando totalmente dei fatti venezuelani, c'è da aggiungere che lo stesso vuole attribuire dei meriti o demeriti al Governo Chávez, quando in realtà Chávez, in questo caso, non ha nessun merito visto che la cosiddetta "Ley seca" esiste da tempi immemori! La Ley seca, ossia la legge che proibisce la vendita di alcolici in determinate occasioni e periodi non è stata emanata oggi, ma è vecchia, vecchissima! Si informi, l'articolista! Si informi!

Il popolo contro Chávez, titola l'articolista. Credo che neppure il più ubriacone si sia ribellato contro Chávez e meno che meno il popolo che vede in questo provvedimento qualcosa di veramente utile. Con questo provvedimento è d'accordo chiunque, soprattutto le classi medie e dell'opposizione, che sono le più colpite dagli incidenti stradali, causati da conducenti che abusano con gli alcolici.

Scrivere contro un provvedimento che limita la vendita dell'alcol (non proibisce, semplicemente ne limita la vendita nel tentativo di ridurre l'abuso) è veramente una cretinata. La colpa, però non è dell'articolista, ma di chi permette che cretinate, anzi ridicolezze del genere vengano fatte leggere ai propri lettori, ossia di un direttore, che nella foga di attaccare Chávez, scade nel ridicolo. In ogni caso se l'articolista ed il direttore Anselmi vogliono cadere nel ridicolo e farsi ridere addosso sono liberi di farlo. Qualsiasi lettore sa giudicare.

E' da segnalare che non è la prima volta che questo giornale attacca il Venezuela, come più volte da noi denunciato.

Terminiamo chiedendo all'Ambasciatore della Repubblica Bolivariana del Venezuela in Italia di far sentire la propria voce contro un giornale che sta sistematicamente cercando di screditare il Venezuela.

L'email dell'Ambasciata della Repubblica Bolivarina del Venezuela in Italia è la seguente: embaveit@iol.it. Inviatiamo i nostri lettori ad unirsi a noi in questa richiesta, inviando un email all'Ambasciata per chiedere una protestare formale verso il quotidiano "La Stampa".

E se il Governo del Venezuela se ne uscisse con la "ridicolaggine" di proibire la vendita delle auto FIAT in Venezuela? Cosa ne penserebbe il signor Anselmi, direttore de La Stampa? Ai signori de La Stampa chiediamo di smetterla con questi attacchi ridicoli al Venezuela.

_________________

Para un blog es muy importante que el lector haga el esfuerzo de clicar en los botones sociales "Me gusta", "Tweet”, “G+”, etc. que están por debajo o a lado. Gracias.

Per un blog è molto importante che il lettore faccia lo sforzo di cliccare sui tasti social "Mi piace", "Tweet", “G+”, etc. che trovate qui sotto o a lato. Grazie

No hay comentarios :

Publicar un comentario

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...