viernes, 28 de noviembre de 2014

Fronteras sin medicinas ... En Italia 11 muertos por vacuna contra la gripe


AF, Caracas 28/11/2014

La Agencia italiana del Fármaco (AIFA) ha anunciado de estar investigando el fallecimiento de once personas a quienes en los últimos días se les había suministrado una dosis de la vacuna Fluad, de la compañía Novartis Vaccines and Diagnostics.

La AIFA ha prohibido "como medida de precaución" la venta de dos lotes.

Vacunarse mata!

Optima la caricatura de Enzo Apicella:

"Fronteras sin Medicinas"

martes, 25 de noviembre de 2014

Pappagallo di Franco Battiato

Attilio Folliero, Caracas 24/11/2014

Foto a sinistra: il quadro di Franco Battiato "Pappagallo"


Come tutti sanno - credo - Franco Battiato è il mio cantante preferito ... lo ascoltai la prima volta nel 1981 in una trasmissione di Carlo Massarini sulla RAI. Rimasi subito affascinato dalla sua musica. Corsi a comprare il suo 33 giri "La Voce del Padrone" che cominciò ad avere successo solo alcuni mesi dopo (nel 1982).

Da allora cominciai a collezionare tutti i suoi dischi. Battiato mi affascina non solo per la musica cosiddetta leggera, ma anche per quella impegnata (Gilgamesh per esempio) e quella sperimentale dei lavori anteriori a "La voce del padrone" (Il silenzio del rumore...), per la sua attività di pittore e per quella più recente di regista cinematografico.

Tra l'altro, Battiato ha dipinto un quadro intitolato "Pappagallo"; i pappagalli sono i miei animali preferiti; li amo, li adoro; ne ho tre e per me sono come dei figli.

... E poi il codino! Anch'io ho portato il codino!

_________________

Para un blog es muy importante que el lector haga el esfuerzo de clicar en los botones sociales "Me gusta", "Tweet”, “G+”, etc. que están por debajo o a lado. Gracias.

Per un blog è molto importante che il lettore faccia lo sforzo di cliccare sui tasti social "Mi piace", "Tweet", “G+”, etc. che trovate qui sotto o a lato. Grazie

domingo, 23 de noviembre de 2014

Elezioni regionali in Italia: stravince l'astensionismo, crolla il Movimento di Beppe Grillo

Attilio Folliero, Caracas, 23/11/2014

Oggi si sono svolte in Italia le elezioni regionali in due regioni, Emilia Romagna al nord e Calabria al sud; in entrambe ha stravinto l'astensionismo: complessivamente ha votato solamente il 39,94% degli aventi diritto; più precisamente, in Emilia Romagna ha votato il 37,68% ed in Calabria il 44,07%. In conclusione il 60,04% non è andato a votare.

Queste elezioni servivano ad eleggere il Presidente della Regione ed i Consigli regionali. In quanto al risultato per l'elezione dei Presidenti, in entrambe le regioni, a scrutinio ancora in corso è in testa il candidato del cosiddetto centro-sinistra. In realtà fra i due schieramenti, cento-destra e centro-sinistra non c'è differenza alcuna, tant'è vero che entrambe le forze sostengono il governo nazionale presieduto dal democristiano (di fatto, di formazione e di tradizione familiare) Matteo Renzi. L'unica vera differenza può essere individuata nel fatto che il centro-sinistra rappresenta la stampella sinistra del capitale ed il centro-destra quella destra. Per il resto le differenze, soprattutto nelle questioni economiche, sono veramente minime.

Una novità c'è: il tracollo del Movimento 5 Stelle, il Movimento politico formato e portato avanti da Beppe Grillo, spacciato per un movimento antisistema ed antipolitico, un movimento che - si diceva - destinato a raccogliere il malcontento del popolo italiano.

Italia: Renzi annuncia che verrà eliminato il contante ma nessuno se ne accorge

Enzo Pennetta, Critica scientifica, 21/11/2014 - Tramite Sa Defensa

In un pezzo da manuale della comunicazione il Premier annuncia che verrà tolto il contante senza mai nominarlo direttamente. Un’operazione che cambierà (in peggio) le nostre vite.


Renzi: «Verso addio agli scontrini. Serve tracciabilità totale»“, questo il titolo col quale sul Corriere della Sera è stato riportato il discorso tenuto da Matteo Renzi alla presentazione dei 100 “digital champion”. Personalmente mi sono fatto l’idea che quando qualcosa in politica viene presentato con un termine inglese nasconda una fregatura, e questa dei “digital champion” non sembra proprio fare eccezione. I campioni digitali sono stati istituito dalla UE nel 2012 e nominati per modernizzare la pubblica amministrazione e in generale l’alfabetizzazione digitale, come viene spiegato sul sito digitalchampions.it. In Italia la scelta del “Digital champion” è stata operata dallo stesso Presidente del Consiglio ed è ricaduta su Riccardo Luna giornalista di Repubblica e primo direttore di Wired Italia, questi ha poi indicato altri 100 nomi in base alle candidature giunte sul sito digitalchampions.it.

sábado, 22 de noviembre de 2014

PERICOLO ZUCCHERO

Fonte: HABLA CON GIAN, 22/11/2014

Zucchero, sempre più pericoloso!


Le ricerche stanno fornendo risultati sempre più allarmanti relativamente al consumo esagerato di zucchero, che nasconde le proprie insidie in moltissimi alimenti apparentemente innocui, tutte le informazioni che seguono sono state tratte dagli studi effettuati da Università o Istituti scientifici la cui serietà è ben nota.

Anche se gli Stati Uniti detengono il primato nel consumo di zuccheri, la globalizzazione sta spingendo anche le altre nazioni a consumare in pratica le stesse tipologie di alimenti, con tutti vantaggi ed i problemi del caso, e tra questi uno dei principali inconvenienti deriva dall'eccessivo consumo di zuccheri, che purtroppo non causano soltanto l'obesità, ma sono anche fonte di una sterminata serie di problemi per il nostro organismo.

viernes, 21 de noviembre de 2014

SCIE CHIMICHE: LA GUERRA SEGRETA

Il Bollettino delle scie chimiche, Tanker Enemy Meteo, 21/11/2014

Tanker Enemy ha realizzato il primo documentario professionale dedicato alla geoingegneria clandestina, alias "scie chimiche".

Tutti noi ne saremo i distributori di un documentario che non pone solo domande, ma che snocciolerà, una ad una, prove inconfutabili sulla "guerra climatica".

La produzione porrà di fronte alle loro responsabilità tutti coloro che, in questi anni, hanno negato, ridicolizzato, sminuito il problema, che non è un problema, ma IL PROBLEMA.


Sìì parte integrante del progetto! Sìì l'artefice del cambiamento! Contribuisci anche tu alla diffusione capillare del documentario.

jueves, 20 de noviembre de 2014

Selvas Blog - Polonia: La Exxon rinuncia. Finito il sogno dello "shale" gas

Fonte: Selvas Blog, 20/11/2014

L’Europa è stata semplicemente ingannata La multinazionale petrolifera nordamericana ExxonMobil ha dichiarato che l'estrazione in Polonia non è redditizia, pertanto rinuncia alla concessione per la perforazione e lo sfruttamento dei giacimenti di shale gas, teoricamente più grandi d'Europa. La ExxonMobil shale gas ha costi troppo alti.

Washington aveva promesso ben 5 miliardi di metri cubi di shale gas, teoricamente estraibili in Polonia; poi erano scesi a un più prudente obiettivo di 500 miliardi di metri cubi, ma anche questa quantità si è mostrata impossibile da raggiungere. Nel miglior dei casi, la Polonia potrebbe soltanto ridurre la sua dipendenza dal gas russo, perché dei 14 miliardi di metri cubi, che i polacchi consumano annualmente, due terzi sono forniti da Gazprom.

miércoles, 19 de noviembre de 2014

VENEZUELA: PREPARÉMONOS PARA LAS DIFICULTADES, EL PETRÓLEO LLEGARÁ A PRECIO DE GALLINA FLACA

Rosa Natalia, Trinchera de Rosas19-11-2014
  
Altas comitivas venezolanas acaban de cerrar una gira mundial buscando frenar la caída de los precios del petróleo. Nos indican que existen diferentes factores que están determinando la tendencia a la baja, pero que no debemos preocuparnos porque ya casi llega el invierno en los países del norte y volveremos a recuperar nuestro ingreso nacional. Otros dirigentes aseguran un poco jocosamente, que aunque el barril baje a 0 $, el gasto social no mermará.  

Solo por si acaso, vamos a revisar el entorno internacional para poner en su justa dimensión lo que está ocurriendo y en función de eso prepararnos –sensatamente- para el futuro.

La disperata richiesta d'aiuto dei Masai

Fonte: AVAAZ

Il Governo della Tanzania si sta rimangiando l'impegno preso con i Masai, che anche noi avevamo contribuito ad ottenere. Raggiungiamo i 2 milioni di firme prima del nuovo incontro che faranno con il loro Primo Ministro per difendere la loro terra: qui sotto la loro email dello scorso anno.

Cari amici,



Tra poche ore il Presidente della Tanzania Kikwete potrebbe iniziare a sgomberare decine di migliaia di noi Masai dalle nostre terre per permettere la caccia a leopardi e leoni. L'ultima volta Avaaz ha contribuito ad attirare l'attenzione globale e il Presidente ha dovuto abbandonare il piano. Una pressione da tutto il mondo può permetterci di fermarlo di nuovo. Clicca subito per aiutarci:


Firma la petizione
Siamo gli anziani dei Masai della Tanzania, una delle più antiche tribù dell'Africa. Il governo ha appena annunciato di voler cacciare migliaia delle nostre famiglie dalle nostre terre per permettere a ricchi turisti di usarle per la caccia a leoni e leopardi. Gli sgomberi inizieranno immediatamente.


L'anno scorso, quando per la prima volta è stato rivelato a tutto il mondo questo piano, quasi un milione di membri di Avaaz si è fatto sentire per aiutarci. La vostra attenzione e la bufera mediatica che si è scatenata hanno costretto il governo a fare marcia indietro, facendoci guadagnare mesi preziosi.Ma il Presidente ha aspettato che l'attenzione internazionale scemasse e ora ha fatto ripartire il piano per sottrarci la nostra terra. Abbiamo urgentemente bisogno del vostro aiuto.

Al Presidente Kikwete forse non interessa di noi, ma ha mostrato che risponde alla pressione globale: quella di tutti voi! Ma forse abbiamo solo poche ore. Vi chiediamo di stare al nostro fianco per proteggere la nostra terra, la nostra gente e gli animali più incredibili di questo nostro pianeta e di far sapere a tutti cosa sta accadendo prima che sia troppo tardi. Si tratta della nostra ultima speranza: 

lunes, 17 de noviembre de 2014

Tracollo Italia: Si avvicina il prelievo forzoso sui risparmi degli italiani e non si faranno sconti a nessuno

Attilio Folliero, Caracas 16/11/2014

Pubblicato da vari siti, tra i quali Luogocomune


Da tempo, l’informazione alternativa avverte sui pericoli di una manovra tendente a colpire i risparmi, ossia un prelievo forzoso.

Oggi  a parlarne è perfino “Il Giornale”, che in un suo articolo intitolato “Il prelievo forzoso in banca non farà sconti a nessuno” (1) parla della possibilità di un prelievo forzoso del 10%. La novità di oggi è che questo prelievo non riguarderebbe solo i conti correnti superiori a 100.000 euro, come per esempio attuato a Cipro, ma riguarderebbe tutti i risparmi. Insomma è probabile che a pagare non siano solo i più ricchi ma tutti, anche un povero disgraziato che abbia magari solo 10.000 euro faticosamente risparmiati.


miércoles, 12 de noviembre de 2014

Гибель советской атомной подводной лодки «К-8»

El submarino nuclear soviético "K-8"

Fuente: http://sexik.narod.ru/cursk/book/k-8.htm (Link consultado y retomado por Attilio Folliero el 22/05/2012)
Судьбы кораблей сродни людским: одни складываются счастливо, другие, наоборот, трагично. Именно трагическая судьба ожидала атомную подводную лодку «К-8» (пр. 627А, класса «Ноябрь» по классификации НАТО). Она была третьей атомной лодкой, построенной на стапелях Северодвинска. Вступила в состав ВМФ в 1959 году.

domingo, 9 de noviembre de 2014

LA IMPLANTACIÓN DE ESPAÑA EN VENEZUELA

Luis Britto García, Caracas 09/11/2014

¿Cómo impone España su dominación en más de la mitad del Nuevo Mundo durante trescientos años? Con monopolios que terminan haciendo inviable su autoridad.

 -El monopolio de lo político
La Corona  nombra prácticamente todas las autoridades del Nuevo Mundo, entre ellos virreyes, capitanes generales y gobernadores. Los cargos recaen sólo sobre blancos peninsulares, nacidos en España. Los nombramientos terminan siendo vendidos. Apenas los cabildos representan a los americanos, precariamente.

-El monopolio del poblamiento
Durante el genocidio que extingue a unos sesenta millones de aborígenes, España sólo permite pasar a América a los españoles, y no a todos. En 1596, Felipe II ordena que sean considerados "extranjeros" con respecto a las Indias, "para no poder estar ni residir en ellas" quienes no fueren naturales de los reinos de Castilla, León, Aragón, Valencia, Cataluña, Navarra y las islas de Mallorca y Menorca". Sólo se pasa con licencia real.

jueves, 6 de noviembre de 2014

Venezuela recibe a 100 palestinos becados para estudiar medicina

Telesur, Caracas, 06/11/2014

El grupo de jóvenes cursará estudios en la Escuela Latinoamericana de Medicina en Venezuela, como parte del plan de becas Yasser Arafat de Fundayacucho.


Ya se encuentran en suelo venezolano los primeros 100 de mil jóvenes palestinos becados por el Gobierno Bolivariano para estudiar en la Escuela Latinoamericana de Medicina (ELAM), que forma doctores con amplio sentido social.

EL FASCISMO CONTRA LOS NUESTROS

Rosa Natalia, Trinchera de Rosas, 01/11/2014

1."Escribí e imprimí un libro por el que he sido declarado por el Santo Oficio como vehementemente sospechoso de herejía, por haber sostenido y creído que el Sol era el centro del mundo e inmóvil, y que la Tierra no era el centro y que se movía...Yo, Galileo, hijo del difunto Vincenzo Galilei, florentino, de setenta años de edad, compareciendo personalmente como acusado ante este tribunal y arrodillado ante vosotros, eminentísimos y reverendísimos señores Cardenales Inquisidores Generales contra la depravación herética a lo largo y a lo ancho de toda la comunidad cristiana, teniendo ante mis ojos y tocando con mis manos los Santos Evangelios, juro que he creído siempre, y que creo ahora, y que, con la ayuda de Dios, creeré en el futuro, todo lo que sostiene, predica y enseña la santa Iglesia Católica Apostólica Romana. Pero en vista de que…he sido declarado por el Santo Oficio como vehementemente sospechoso de herejía, es decir, por haber sostenido y creído que el Sol era el centro del mundo e inmóvil, y que la Tierra no era el centro y que se movía…prometo cumplir y observar en toda su integridad todas las penitencias que me han sido impuestas por este Santo Oficio. Y me someto a todas las penas y penitencias impuestas y promulgadas en los cánones sagrados…Que así me ayuden Dios y estos Santos Evangelios que toco con mis manos. Yo, el antedicho Galileo Galilei, he abjurado…". 

La estulticia de un editor

Cástor Díaz, Caracas, 06/11/2014 (*)

Es perfectamente entendible, digerible, aceptable y todo lo demás, que un sector de los venezolanos no comparta las políticas y los principios de la revolución bolivariana. Que critique con argumentos valederos y bien sustentados las ejecutorias del gobierno bolivariano, que lidera el presidente obrero Nicolás Maduro. Que al proyecto de país, visualizado por el comandante eterno Hugo Rafael Chávez Fría y los mas de seis millones que lo secundaron en esa concepción de patria, oponga también su proyecto de país, que lo lleve a la palestra pública para la discusión, para convencer a quienes así lo acepten y haga uso de los medios de difusión y de todos los espacios posibles para su divulgación, pero sin olvidar su nacionalidad, su origen.

¿Burkina Faso en el ALBA?

Marinella Correggia, Roma, 06/11/2014

Articolo in italiano

El 31 de octubre de 2014 el pueblo de Burkina Faso obtuvo la dimisión y la salida del presidente Blaise Compaoré, en el poder desde hacía 27 años, después del golpe de estado que el 15 de octubre de 1987 asesinó la revolución del “País de los íntegros” y a su guía, el entonces presidente Thomas Sankara, de 37 años. La “revolución de la dignidad” en solo cuatro años transformó el paupérrimo país saheliano en un laboratorio de futuro, de justicia, solidaridad, antiimperialismo, paz, ecosocialismo podríamos decir. Todo muy incómodo para las élites mundiales y para las africanas.

No sabemos aún si el levantamiento de estos días se transformará – a causa de las injerencias extranjeras, en particular de Francia- en una de las tantas “primaveras manipuladas”, o si el país saheliano recuperará la revolución de Sankara. Los sankaristas que junto a otras fuerzas participaron en las manifestaciones callejeras en Burkina Faso han dedicado esta victoria parcial al expresidente burkinés.

domingo, 2 de noviembre de 2014

I PIANI DEL NUOVO ORDINE MONDIALE DENUNCIATI NEL 1969 DA UN INSIDER

Fonte originale in ingles: Rense
Traduzione in italiano Rick Bosco per Nexus - Segnalato da Sa Defensa


Quella che segue è la trascrizione ricavata da due di tre nastri inerenti al “Nuovo Sistema Mondiale”; i due nastri in questione vennero registrati nel 1988 e costituiscono i ricordi del Dr. Lawrence Dunegan riguardanti una conferenza cui egli assistette il 20 marzo 1969 nel contesto di un convegno della Pittsburgh Paediatric Society. Il conferenziere di suddetto raduno di pediatri (identificato nel terzo nastro registrato nel 1991) era il Dr. Richard Day (deceduto nel 1989; foto a lato)), il quale all’epoca era docente di Pediatria presso la Mount Sinai Medical School di New York; in precedenza aveva rivestito l’incarico di direttore medico della Planned Parenthood Federation of America.

Il Dr. Dunegan era un ex studente del Dr. Day presso la University of Pittsburgh e, per quanto non a fondo, conosceva abbastanza bene il suo docente, che egli descrive come un insider dell’“Ordine” e, quantunque la sua memoria sia stata in un certo qual modo offuscata dal passare degli anni, il Dr. Dunegan è in grado di fornire sufficienti dettagli della conferenza, tali da consentire a qualsiasi individuo avveduto di discernere i veri obiettivi a monte delle tendenze dei nostri tempi. La trascrizione concerne un monologo reso in modo libero e colloquiale che rende meglio all’ascolto piuttosto che alla lettura.

Burkina Faso nell'ALBA?

Marinella Correggia, Roma, 02/11/2014

Articulo en español

Il 31 ottobre 2014 il popolo del Burkina Faso [Paese degli uomini integri] è sceso in piazza in massa ottenendo le dimissioni e la partenza del presidente Blaise Compaoré, al potere da ventisette anni, dopo il colpo di Stato che il 15 ottobre 1987 uccise la rivoluzione del “Paese degli integri” e la sua guida, l’allora 37enne presidente Thomas Sankara. La “rivoluzione della dignità” in soli quattro anni (1983-1987) aveva trasformato il poverissimo paese saheliano in un laboratorio di futuro, di giustizia, solidarietà, antimperialismo, pace, ecosocialismo potremmo dire. Tutto molto scomodo per le élites mondiali e per quelle africane.

Non sappiamo ancora se la sollevazione di questi giorni si trasformerà – a causa delle interferenze esterne, in particolare da parte della Francia, ex potenza coloniale – in una delle tante “primavere manipolate”, oppure se il paese saheliano recupererà la rivoluzione di Sankara. All’ex presidente burkinabè, i sankaristi che con altre forze hanno partecipato alle manifestazioni di piazza in Burkina Faso hanno dedicato questa parziale vittoria.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...