viernes, 31 de julio de 2015

Morti sul lavoro: ogni anno più di 2,3 milioni in tutto il mondo


Ogni 15 secondi un lavoratore muore a causa di un incidete sul lavoro o per una malattia relativa al lavoro.

Ogni 15 secondi 153 lavoratori hanno un incidente sul lavoro.

Ogni giorno muoiono 6.300 lavoratori a causa di un incidete sul lavoro o per una malattia relativa al lavoro.

Ogni anno muoiono più di 2.3 milioni di lavoratori e sono 317 milioni gli incidenti sul lavoro, molti dei quali per la mancata adozione di misure di sicurezza.

Invito a leggere articolo di Juan Linares in spagnolo: "Los accidentes laborales en Venezuela"

The Chinese Working Class in the Globl Capitalist Crisis

Loren Goldner, 24/07/2015 - Insurgent Notes

Loren Goldner - Contemporary American left communist notable for his historical work on the communist left, fictitious capital, race, and literary criticism. Goldner has written extensively on postmodernism and current working class struggles.

Revolutionary Mass Strike or a New Bureaucratic Containment?
A focus on the exhaustion of China’s former model of accumulation and China’s place in the world crisis. We will explore how it is both  necessary and impossible for the state bureaucracy (i.e. the Chinese Communist Party) to make the transition to a new (“consumer-oriented”) accumulation model without unleashing mass working-class and peasant discontent.



Alcedo Mora, el primer desaparecido político de la V República en Venezuela

Attilio Folliero, Caracas 31/07/2015 - Actualizado 09/08/2015

Vedasi articolo in italiano

Los revolucionarios siempre estarán en peligro, en dictadura como en democracia. Hace 5 meses se llevaron Alcedo Mora por denunciar la corrupción en PDVSA. Vivo se lo llevaron, vivo lo queremos!

Véase sitio web: Operación Alcedo Mora;

El 27 de febrero del 2015 Alcedo Mora salió de su casa en Mérida para dirigirse a la Gobernación del estado Mérida, donde ejerce funciones en la Secretaría de Gobierno. Desde aquel momento ha desaparecido. A la fecha de hoy sigue desaparecido. Es el primer caso de desaparecido político en la historia de la V República de Venezuela.

Alcedo Mora es un dirigente político, luchador social, que siempre ayudaba a los más necesitados, chavista, antimperialista y revolucionario, empleado de la Secretaría de Gobierno del estado Mérida. En el momento de su desaparición estaba investigando casos de corrupción en el Estado Mérida y particularmente casos de corrupción en los cuales estaban involucrados dirigentes de PDVSA (1). A tal efecto había entregado al gobernador del estado Mérida, Alexis Ramírez, y al secretario de gobierno, Luis Martínez Rico, pruebas sobre los casos de corrupción investigados.

jueves, 30 de julio de 2015

Selvas Blog: Lo bueno, lo malo y lo feo de la economía venezolana

Franco Vielma, Mision Verdad/Selvas, 24/07/2015

Un componente de economía signada por la especulación estructural - economía privada depende de la teta petrolera del Estado.

Hablar de "crisis" en Venezuela debería basarse en un desbarajuste en todos los componentes fundamentales que rigen una economía. Deberían verse conjugadas la mayoría de las estadísticas medulares en un enrarecimiento absoluto, pero no. No es el caso de Venezuela.

En la coyuntura actual confluye la vulnerabilidad estructural de nuestra economía, históricamente monoexportadora, dependiente del precio internacional del petróleo, importadora y festín del saqueo de divisas en tiempos de libre cambio o control de cambio (en términos mucho menores) por la burguesía. También confluyen las variables de una economía intervenida políticamente por medio de la guerra económica.

Continua en Selvas
_________________

Para un blog es muy importante que el lector haga el esfuerzo de clicar en los botones sociales "Me gusta", "Tweet”, “G+”, etc. que están por debajo o a lado. Gracias.

Per un blog è molto importante che il lettore faccia lo sforzo di cliccare sui tasti social "Mi piace", "Tweet", “G+”, etc. che trovate qui sotto o a lato. Grazie

miércoles, 29 de julio de 2015

Sin tetas no hay revolucion

Rosa Natalia, Trinchera de Rosas, Caracas 29/07/2015

En Venezuela las trasnacionales estan tomando control de las empresas mixtas; las trasnacionales de servicios han vuelto con sus contratos de control de las operaciones en la petrolera; y la Ley del Trabajo prácticamente queda abolida en las llamadas Zonas Económicas Especiales. 

6 agosto 2015 - 9:00AM: Manifestacion de las mujeres por el permiso de lactancia materna hasta los dos años. Plaza Caracas de la capital venezolana, delante el Ministerio del Trabajo.

María se sentó en la sala de espera. Allí había gente que tosía con cara de quebranto, una señora jubilada con la cara de molestia porque "ya nada era igual que antes", otros muy jóvenes con rostros esperanzados, podían ser pasantes, tesistas o nuevos empleados, que al contrario de los mayores expelen esa aura inocente y soberbia del que cree que todo está por hacerse.

CD gratuito per la formazione sociopolitica

Forum alternativo svizzero, 29/07/2015

Messaggio del Forum Alternativo Svizzero

Cari Amici Abbiamo allestito un CD con il metodo di formazione sociopolitica di base "Il sistema economico attuale e le alternative" (in pratica è la teoria marxista dell'economia spiegata con delle metafore concrete) che pure è didattico e divertente: 250 diapositive PowerPoint, foto storiche e d’attualità, diagrammi, commenti, esercizi, ecc. 

La presentazione è particolarmente indicata per conferenze, serate informative, per scuole, gruppi o collettivi di formazione politica, ecc. e da proiettare con un beamer. Il CD è uno strumento di lavoro che ogni attivista dovrebbe avere e utilizzare.

Mensaje de la la Asociación Suiza-Palestina: CD en regalo para todo el mundo


Queridos Amigos: Hemos elaborado un CD con una completa historia de Palestina en imágenes (PowerPoint). 600 diapositivas, 1000 fotos históricas y actuales, 60 mapas, gráficos, comentarios, etc. 

El CD se encuentra en Español, Inglés, Francés, Alemán o Italiano. La presentación es ideal para celebrar conferencias, reuniones, para historiadores, estudiantes, buscadores, escuelas, etc. El CD es un instrumento de trabajo que cada activista debería tener y usar.

El CD, gastos de envío incluidos, es gratis porque es nuestra manera de apoyar la causa palestina. No hay virus, consejos, spam, publicidad o otros cargos. No seguiran actualizaciones o solicitudes de suscripción. Pagamos todo de nuestro bolsillo. Envíe su solicitud a imparalavita@bluemail.ch con vuestra dirección postal (o la dirección de confianza) y el CD será enviado en todo el mundo de inmediato y de forma gratuita. En el mismo CD está también la presentación.

martes, 28 de julio de 2015

La carta igienica come strumento di pressione politica

Manuale del perfetto colpo di stato: far mancare la carta igienica al popolo! Dal Cile di Allende al Venezuela di oggi la carta igienica è uno strumento di pressione politica nelle mani della classe dominante. Manipolare la diffusione della carta igienica può diventare un'arma capace di abbattere governi non graditi alle classi egemoni. 

Attilio Folliero, Caracas 28/07/2015

Vedasi: “Documentos secretos de la ITT” (Documenti segreti della ITT, in lingua inglese e spagnola). Scaricabili da Aporrea o da Savador Allende.

Probabilmente non saranno in molti a riflettere sull’importanza della carta igienica nella nostra vita quotidiana e nella nostra società. La carta igienica – come tutti sanno – è un prodotto di carta utilizzato per l’igiene intima dopo la defecazione.

Le prime notizie sull’utilizzo della carta igienica risalgono al II secolo avanti Cristo, quando in Cina si fabbricò una carta destinata alla pulizia intima. Sempre dalla Cina ci arriva la notizia che nel 1391 l’imperatore cinese ordinò la fabbricazione di fogli speciali per il bagno di 0,5 per 0,9 metri, utilizzati dalla famiglia imperiale.

Industrialmente, la prima carta igienica viene prodotta negli Stati Uniti, nel 1857 da Joseph Gayetty, sotto forma di fogli individuali. Nel 1879 la Scott Paper Company di Philadelphia commercializza la prima carta igienica in rotoli. In Italia ed in molti paesi del mondo, la carta igienica è considerato un lusso fino alla seconda metà del secolo scorso ed oltre.

lunes, 27 de julio de 2015

Si avvicina la fine del bisogno di petrolio

Attilio Folliero, Caracas 27/07/2015


È ormai realtà la moto (e l’auto) che utilizza l'acqua invece della benzina. La nuova invenzione presentata dal brasiliano Ricardo Azevedo.

 
 Il brasiliano Ricardo Azevedo beve acqua potabile (foto a sinistra); poi la stessa acqua viene utilizzata per riempire la sua moto (foto a destra). La moto utiliza l’acqua invece della benzina!

Il brasiliano Ricardo Azevedo ha portato avanti il ​​progetto di Stanley Meyer ed ha costruito una moto che utilizza l’acqua invece della benzina! Con un litro d’acqua può percorrere ben 500 km!

Lo statunitense Stanley Meyer negli anni novanta aveva costruito una macchina che andava ad acqua; un’auto che utilizzava acqua invece della benzina. Su YouTube c'è un video sulla sua invenzione. Ulteriori informazioni di questa straordinaria invenzione si trovano nel sito web dedicato al Waterfuel cell, il motore ad acqua.

Se acerca el fin de necesitar petróleo (Ricardo Azevedo lleva adelante el proyecto de motor a agua de Stanley Meyer)

Attilio Folliero, Caracas 27/07/2015


Es realidad un carro que utiliza agua. El nuevo invento presentado por el brasileño Ricardo Azevedo.

 
 El brasileño Ricardo Azevedo bebiendo agua de un botellón; luego la misma agua es utilizada para su moto. La moto utiliza agua como y no necesita gasolina!

El brasileño Ricardo Azevedo lleva adelante el proyecto de Stanley Meyer y construye una moto que recurre 500 Km con un litro de agua.

El estadounidense Stanley Meyer en la década de los noventa había construido un carro que utilizaba agua envés de gasolina. En Youtube hay un video sobre su invento. Mayores informaciones pueden encontrarse en el sitio web dedicado a su invento Waterfuel cell.

ANROS ITALIA propone al Venezuela extender a Africa la Mision Milagros



Emilio Lambiase, presidente Asociación ANROS Italia promueve la misión social “Milagro Negro”


La Asociación Nacional de Redes y Organizaciones Sociales (ANROS – Italia), en la figura de su presidente Emilio Lambiase, presentó el proyecto que apoya la realización de la misión social “Milagro Negro” al Consulado General de la República Bolivariana de Venezuela en Nápoles.


“Milagro Negro” tiene como objetivo extender la misión Milagro, proyecto que ha devulto la vida a millones de personas principalmente en latinoamérica y el Caribe, a países africanos a los que no ha llegado y que exista la presencia de misiones del estado vaticano. Para esto es necesario unir las fuerzas del gobierno Bolivariano de Venezuela, la Republica de Cuba y el Estado Vaticano.

viernes, 24 de julio de 2015

Esplode fabbrica di fuochi artificiali a Modugno (Bari). Omaggio ai caduti sul lavoro

Attilio Folliero, Caracas 24/07/2015 - Aggiornamento 26/07/2015

Aggiornamento: Purtroppo il numero dei morti è salito prima a 9 e poi a 10.

Invito a leggere: 
Morire di lavoro: 1.200 volte ogni anno
Quello che INAIL non dice sulle morti sul lavoro
    Oggi è esplosa una fabbrica di fuochi artificiali a Modugno (Bari): sette morti e 4 feriti gravi, secondo le ultime notizie. Ancora una volta morti sul lavoro. 

    Il mio omaggio alle vittime con una straziante canzone napoletana intitolata "A Flobert" del Gruppo Operaio "E Zezi".



    La canzone fu scritta in occasione dell'esplosione alla fabbrica Flobert di Santa Anastasia, alle falde del Vesuvio; quell'esplosione provocò 12 morti l'11 aprile 1975.

    Un altra grave esplosione si ebbe l'11 settembre 2010 a Capua (Caserta); in questa occasione morirono tre operai di una ditta esterna per una negligenza della sicurezza. 

    A Flobert
    del Gruppo Operaio "E Zezi"

    In omaggio alle vittime di oggi ed a tutti i caduti sul lavoro.

    martes, 21 de julio de 2015

    Intervista a Carlo Marx (18/07/1871)

    R. Landor/The World New York, Londra 18/07/1871

    Karl Marx (1818-1883), filosofo politico e sociale, iniziò la sua carriera a Colonia nei primi anni Quaranta come direttore di un giornale (Rheinische Zaitung -ndtr) . Quando questo venne chiuso per motivi politici, si trasferì a Paragi, dove diresse un'altra pubblicazione fino a quando anch'essa venne chiusa per la stessa ragione. Si sistemò allora a Londra, dove scrisse le sue principali opere di filosofia e di economia politica. Si occupò ancora di giornalismo e fu corrispondente estero del New York Tribune dal 1851 al 1862. Il suo capolavoro, Il Capitale, venne pubblicato nel 1867.

    R. Landor, corrispondente del World di New York, ha intevistato Marx a Londra e ha trasmesso il testo al giornale il 3 luglio 1871. Si pensa che l'altro signore tedesco presente per tutta la durata dell'intervista fosse Engels. Soltanto un paio di mesi prima, la Comune di Parigi, cui Marx aveva partecipato, era stata soffocata col sangue.

    Marx, il nuovo Socrate

    Londra, 18 luglio 1871

    Mi avete chiesto di raccogliere informazioni sull'Associazione internazionale e io ho cercato di farlo. Attualmente, si tratta di un'ardua impresa. Londra è indiscutibilmente il quartier generale dell'Associazione, ma gli inglesi sono spaventati e sentono odor d'internazionale dappertutto, come re Giacomo sentiva odor di polvere da sparo dopo la famosa congiura.

    domingo, 19 de julio de 2015

    Il debito pubblico italiano al massimo storico e le profezie del ministro Padoan

    Attilio Folliero, Caracas 18/07/2015


    Annualmente, in primavera c’è la riunione del Fondo Monetario Internazionale. Quest’anno si è svolta a Washington dal 16 al 18 aprile. Nel corso di questi lavori è intervenuto per l’Italia il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, che come riportato da tutti i media (1) ha dichiarato: “Non è vero che il debito italiano sale… il debito pubblico quest'anno si stabilizzerà e dall'anno prossimo scenderà in maniera sostenuta, rispettando le regole".

    Il 18/06/2015, Padoan in una conferenza stampa, rispondendo a chi gli chiedeva se un default greco comportasse dei rischi per l’Italia asseriva: “L'ho già detto e lo ripeto: l'Italia è assolutamente solida, l'euro è assolutamente solido, non siamo sicuramente nel 2012" (2).

    Irán en el umbral nuclear según Henry Kissinger

    El Internacionalismo/Lotta comunista, Abril 2015


    Henry Kissinger en World Order, orden mundial, dedica una parte del capítulo sobre Irán a la «proliferación nuclear en Oriente Medio, donde se delinea según su opinión una modificación de la balanza en la región potencialmente «histórica». Aunque esté travestida en términos de capacidades científicas y técnicas, escribe, «la cuestión está en el corazón del orden internacional», frente a la prospectiva «de una carrera atómica en la región más volátil del mundo». 

    En los años de la guerra fría, la disuasión podía calcularse porque la confrontación abarcaba «sólo a dos superpotencias nucleares», los Estados Unidos y la URSS. A medida que más actores disponen del arma atómica, «el cálculo de la disuasión se hace más efímero y la propia disuasión menos confiable»; es más difícil comprender a quien están dirigidas amenazas y contra-amenazas y «sobre la base de qué cálculos». Tres presidentes norteamericanos de ambos partidos y todos los miembros permanentes del Consejo de Seguridad de la ONU más Alemania habían declarado «inaceptable» un Irán atómico y habían pedido un bloque «incondicionado» contra el enriquecimiento del uranio necesario para construir las armas.

    sábado, 18 de julio de 2015

    Il Tramonto dell’Altra Europa

    Red Militant, 17/07/2015

    La resa incondizionata di Tsipras di fronte agli usurai dell’UE ha cancellato definitivamente ogni ambizione delle forze socialdemocratiche a porsi come alternativa all’austerità. La socialdemocrazia moderna ha fatto suo il modello sociale europeo e ingenuamente ha cercato di convincere tutti sul fatto che il capitalismo possa essere corretto dalla democrazia e dal voto popolare.

    Quello che però sta avvenendo è una tappa del processo di accumulazione primitivo che darà vita agli Stati Uniti d’Europa e, come giustamente scritto da Marx, questo non avviene mai in modo pacifico e spontaneo, ma solo attraverso la violenza dell’espropriazione. In questo caso assistiamo all’espropriazione dei redditi e delle pensioni dei greci, che saranno devastati, secondo quanto è stato stabilito dal nuovo memorandum europeo. Non è possibile lottare contro il neoliberismo se non si comprende che esso è parte integrante (e non altra cosa) rispetto al capitale e alla sua dittatura di classe.

    viernes, 17 de julio de 2015

    Colusiones nucleares en el Gran Oriente Medio

    Círculos Internacionalistas de Zaragoza/Lotta Comunista, Mayo 2015


    Prólogo al artículo “Colusiones nucleares en el Gran Oriente Medio”

    El orden mundial está francamente enrevesado y alterado: si la mirada la fijamos en Oriente Medio se observa un polvorín a punto de estallar, un enfrentamiento confesional entre sunitas y chiitas que, a su vez, genera confrontaciones de cierto calibre entre Estados y para guinda, un terrorismo reaccionario practicado por las sucursales del Al Qaeda. Los recursos energéticos han hecho de Oriente Medio el teatro de operaciones y confrontaciones entre EE.UU, Rusia, Europa y, ahora, las grandes potencias asiáticas; un continuo tira y afloja para evitar una potencia hegemónica en la zona, dominando así el abastecimiento energético.

    La Cina aumenta le riserve auree del 57%

    Attilio Folliero, Caracas 17/07/2015


    La Cina ha comunicato i dati relativi alle Riserve Internazionali ed alle riserve auree dell’ultimo trimestre (Aprile – Giugno 2015). Dall'analisi dei dati del mese di giugno risulta che le riserve auree cinesi sono arrivate a 1.658 tonnellate, con un aumento del 57% nell'ultimo mese, ovvero sono cresciute di 604 tonnellate. Le riserve internazionali al 30 giugno ammontano a 3.693 miliardi di dollari, più o meno in linea con i precedenti dati di marzo, ma in discesa di circa 300 miliardi rispetto al massimo storico di un anno fa, giugno 2014, quando erano 3.993 miliardi.

    Sul dato riguardante la quantità di oro posseduto dai cinesi è necessario fare due considerazioni.

    Las monedas de oro de la República de Italia

    Attilio Folliero, Caracas 05/03/2012 - Última actualización 17/07/2015

    La República italiana ha nacido oficialmente el 18 de junio de 1946, en seguida al referéndum institucional del 2 de junio del mismo año, mediante el cual los italianos decidieron abandonar la monarquía, comprometida con la dictadura fascista, y pasar a la república.

    Desde 1946 y hasta el 2001 la moneda oficial de la República ha sido la Lira. A partir del 1 de enero del 2002 el Euro ha sustituido oficialmente la lira. Durante los 56 años (1946-2001) de vigencia de la Lira, se acuñaron 16 monedas de oro, de las cuales 8 con valor nominal de 100.000 liras, de 15 gramos, ley 900 y 8 con valor nominal de 50.000 liras, de 7,5 gramos, ley 900. A partir del 2003 en Italia se acuñan monedas de oro en Euro.

    sábado, 11 de julio de 2015

    GRECIA: Europa, non Unione Europea, please!

    Tito Pulsinelli, Selvas, 07/07/2015 


    Crisi nella Chiesa dei Santi Liberisti degli Ultimi Giorni. Nella foto Martin Schultz, Presidente del Parlamento dell’Unione Europea.



    C'è vita lontano dalla Troika, c'è miglior vita fuori dell'UE e al riparo dei suoi deliri totalitari. Così la pensano gli abitanti della Grecia e l'hanno espresso in un referendum vinto agevolmente. C'è una miglior vita, e non si tratta solo della "sacralità" dell'urna, ma della storia contemporanea dell'Argentina e dell'Ecuador. Dopo che costrinsero alla fuga una dozzina di Presidenti liberisti designati o sponsorizzati dal FMI, semplicemente sospesero i pagamenti degli interessi sul debito odioso e impagabile, e rivendicarono la riduzione del debito globale.

    lunes, 6 de julio de 2015

    Debito di stato e classi sociali: il caso greco

    Dante Lepore, PonSinMor, 04/07/2015

    Forse il miglior modo di trovare come il debito affetta la nazione sarebbe quello di considerare il popolo in generale, come diviso in due classi, una di gente industriosa, e l’altra di oziosi ... (1)
    Chi detiene il debito pubblico di Atene (2)

    Con eventi come questa miserabile trattativa con la Troika su come, quanto e a quali condizioni debba esserci restituzione del debito da parte del “popolo greco” ai creditori europei (entro il 30 giugno, 1,6 miliardi di euro al FMI, il cui direttore, la signora C. Lagarde, è sopran-nominata la “commare secca”, ossia “la morte”, perché ossessionata dal rischio longevità, ovvero dal fatto che, se la vita continua ad allungarsi, sarà un problema pagare le pensioni; 6,7 miliardi alla BCE entro il 20 luglio, in realtà sulla ristrutturazione di complessivi 280 miliardi di debito), ci si può convincere, con un po’ di attenzione, di quanto sia forte l’occultamento dell’essenziale e l’ostentazione di ciò che è ingannevole e secondario, pur di favorire col terrore una sequela di manovre di spremitura continua dei redditi da lavoro. Né si riflette abbastanza sul fatto che quando le banche concedono prestiti non è per aiutare i bisognosi, in realtà si garantiscono delle entrate e dei tassi aggiuntivi sul capitale nel tempo, come quando il pivello va a chiedere il mutuo per la casa e deve sottoscrivere decine di fogli di garanzia, i diritti di carta che la vezzosa funzionaria gli sottopone dandogli l’immagine visiva del capitale fittizio.

    Il Venezuela può andare in default?

    Attilio Folliero, Caracas 06/07/2015

    Articolo pubblicato da vari siti e blog, tra i quali: Yahoo Finanza Italia, Trend-online, Selvas

    In risposta ad una lettera ricevuta dall'Italia, le mie considerazioni sul perché il Venezuela non andrà in default. Oggi si parla molto di debito pubblico e di possibile default per esempio della Grecia, dimenticando spesso gli USA, secondo me paese destinato al fallimento; nei media internazionali si parla anche di un possibile default del Venezuela, anzi certi analisti finanziari "interessati" danno praticamente per scontato il default del Venezuela. Di seguito il testo della lettera ricevuta. La lettera è firmata, ma per correttezza evito di pubblicare il nome dello scrivente. "... Sono uno studioso indipendente dei problemi dell’America Latina, ho trovato la sua mail nel blog. Mi permetto di contattarla per avere una sua view sulla situazione venezuelana, molti analisti finanziari ritengono che il paese non riuscirà a pagare gli interessi sul debito pubblico e fallirà, l’inflazione si aggira intorno al 200% e inoltre so che a dicembre ci saranno le elezioni. Cosa pensa che accadrà? La ringrazio in anticipo e la saluto cordialmente".

    Il Venezuela non andrà in default. Questa è la mia opinione. E' vero che l'inflazione in Venezuela per l’anno in corso si aggira attorno al 150-200%, cosi come pure è evidente una contrazione del PIL e soprattutto delle riserve internazionali, che un tempo erano il punto di forza dell'economia venezuelana; è vero che i prezzi del petrolio continuano ad essere bassi e la situazione economica generale del paese è difficile.

    sábado, 4 de julio de 2015

    Una lettera dal Venezuela ... che illustra la situazione di crisi (e di fiesta)

    Lettera firmata, 09/06/2015

    Pubblico questa lettera inviatami da un italiano che vive in Venezuela con 1.000 euro di pensione al mese. Per lui è una "fiesta", per i venezuelani una tragedia, che tra l'altro non hanno minimamente coscienza del valore del loro stipendio e del loro lavoro. La lettera essendo di circa un mese fa è ormai datata: le patate, per esempio costano praticamente il doppio e per un euro occorrono 550 Bolivares. In Venezuela, chi ha la fortuna di avere un reddito in euro, per esempio una pensione mensile di 1.000 euro al cambio ufficiale, alla data odierna (03/07/2015) ottiene 198.373 bs, al cambio in nero ottiene 550.000 bs. Nel primo caso equivale a 27 salari minimi, nel secondo caso ad oltre 75 salari minimi. Ricordiamo che in Venezuela almeno la metà della popolazione vive con un salario minimo. Una persona che vive con 1.000 euro in Venezuela e che potrebbe sembrare un nababbo (e lo è se si rapporta ad un venezuelano) in realtà vive dignitosamente, potendosi permettere di bere un bicchiere di vino a pranzo, mangiare carne, mangiare una pizza; può comprare un elettrodomestico, lavatrice, televisore, computer... tutto ormai negato a chi vive con un salario minimo. Ad esempio una pizza costa attorno a 1.000 bs, per cui un lavoratore con 7.000/10.000 bs di stipendio difficilmente può permettersela. In realtà anche un alto funzionario dello stato o un professore universitario di ruolo con oltre 20 anni di servizio che prende 20.000/25.000 bs di stipendio mensile, oggi non può permettersi un computer (150.000/200.000 bs), un TV 32 (150.000 bs), un frigorifero (250.000 bs), una lavatrice (250.000 bs). Per le auto ormai non si riportano più neppure i prezzi; avere un auto, anche con più di 10 anni di vita significa avere un tesoro. I link ai prezzi rimandano a prodotti in vendita in Mercadolibre, la consociata di Ebay per l'America Latina. Nei negozi i prezzi sono generalmente più alti.

    ... Ho fatto delle analisi attualizzate per avere visione della tragedia economica dei venezuelani (per me invece é una grande fiesta). In Colombia, paese che ha quasi la metà del PIL pro capita di Venezuela, il salario minimo è di 644.000 pesos e le patate costano mediamente 2.000 pesos al chilo. Vuol dire che un colombiano puó comprare 322 chili di patate ogni mese.

    Un venezolano, salario minimo 7.000 bolivar e costo delle patate 200 bs al chilo (le ho comprate ieri), puó comprarsi 35 chili di bellissime papas. RIDICOLO?

    viernes, 3 de julio de 2015

    Una lettera dall'Italia ... che illustra la situazione di crisi

    Lettera firmata, 22/06/2015

    Ho deciso di pubblicare, in modo anonimo, questa lettera ricevuta da un amico italiano perché illustra la situazione che si vive in Italia. Un cittadino italiano pur avendo un reddito fisso, una pensione, ed una casa di proprietà ha grandi difficoltà a causa di uno stato che estorce denaro con multe e balzelli pretestuosi.

    … Quest'anno io andrò per i 70, e un po' mi spaventa quel 7.. nelle condizioni generali di salute e di crisi esterna alla mia persona fisica...

    Questo inverno con la mia compagna ho sofferto il freddo. Grazie all'aiuto di un mio compagno in America ho avuto qualche "dollaro" per pagare qualche debito (tra compagni si sviluppa solidarietà). Però la situazione generale non migliora. Il problema è che di lavori non posso più farne, perché la disoccupazione giovanile qui è sopra il 40%. Non posso prendere il posto di giovani senza lavoro... 

    Qui non si riesce a campare con 1.100 euro al mese. Io ho casa in proprio ma non basta. Lo stato le inventa tutte per fare cassa sui poveri cristi. Escogita sempre nuove forme di tassazione a partire dal bene di consumo principale, quello dell'abitazione. Poi estorce denaro con multe e balzelli pretestuosi.
    Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...