miércoles, 23 de noviembre de 2016

Cosa si nasconde realmente dietro al Referendum Costituzionale in Italia del 4 dicembre?

Fonte: Quello che i TG non dicono e 5 Stelle Bisceglie
Ultimo aggiornamento dell'articolo: 23/11/2016


Vedi anche: Le ragioni del NO. La posizione della FILEF
Altro sito che ha pubblicato il video: Sapere è un dovere


  ... Un documento del 28 maggio 2013 prodotto dalla JP Morgan, la nota banca d’affari americana, indica agli stati europei la strada da seguire per tutelare gli interessi dei gruppi bancari della finanza internazionale, e non gli interessi dei popoli, ne tanto meno quelli degli imprenditori. Nel documento sono illustrati gli obiettivi delle riforme politiche che devono adottare gli stati europei. In esso la JP Morgan sostiene che le costituzioni dei paesi del mediterraneo (quindi anche l’ Italia) mostrano una forte tendenza socialista, tutelano i diritti dei lavoratori, il diritto alla salute e il diritto di protestare da parte del popolo contro decisioni o modifiche indesiderate. Tutti questi diritti rappresentano un ostacolo per la finanza internazionale, ed è per questo che la più importante banca del mondo ha invitato lo Stato italiano ad”impegnarsi in una pesante riforma politica”. Avete capito ora? Siamo governati da un manipolo di servi della finanza globale che eseguono solo decisioni altrui per il bene delle banche e a discapito dei diritti dei cittadini. A loro serve solo accentrare il potere per comandare e aprire le porte alla dittatura finanziaria. Il vice presidente emerito della Corte costituzionale Paolo Maddalena ha dichiarato: “La nostra Costituzione costituisce l’ultimo ostacolo che l’oligarchia capitalistica neoliberista vuole abbattere per portarci tutti alla rovina più nera“.
La caricatura di Enzo Apicella

Altro video



Perché votare No al referendum sulla riforma della Costituzione del 4 dicembre


1 - Non c'è approvazione più rapida delle leggi:

  • la riforma non supera il bicameralismo paritario, ma lo rende solamente più confuso, creando conflitti di competenze tra Stato e Regioni e tra Camera e nuovo Senato.
  • i procedimenti legislativi passano da uno a dieci. Si potrà quindi legiferare seguendo dieci percorsi differenti. Le leggi non verranno quindi approvate più velocemente, ma potrebbero invece essere bloccate da ricorsi alla Corte Costituzionale per effetto dei conflitti di competenza e dei diversi procedimenti legislativi previsti dalla nuova riforma
2 - Riduzione dei costi della politica quasi ininfluente:
  • il numero dei senatori passerà sì da 315 a 95, ma non si ridurranno i costi di funzionamento del Senato. Il risparmio non sarà di 500 milioni l’anno, ma al massimo di 50
3 - La rappresentanza democratica è compromessa:
  • il numero di firme da raccogliere per le leggi di iniziativa popolare passa da 50mila a 150mila, dunque sarà più difficile presentare progetti di legge di iniziativa popolare
  • i senatori non vengono più eletti direttamente dai cittadini, ma saranno scelti tra i consiglieri regionali e i sindaci delle città d'Italia proposti dalle segreterie di partito. Di fatto il cittadino non elegge più direttamente i propri rappresentanti e il senato diventa un'istituzione composta da politici con doppio mandato
  • i consiglieri regionali e sindaci che diventeranno senatori acquisiranno l'immunità parlamentare. Qualora venissero iscritti nel registro degli indagati, gli inquirenti non potranno sottoporli a perquisizione, arrestarli o utilizzare intercettazioni telefoniche a loro carico senza l'autorizzazione del senato
4 – Potere centrale più forte, meno autonomie locali
  • solo la Camera concederà la fiducia al Governo, dunque si crea un rapporto fiduciario diretto. Di conseguenza viene rafforzato il potere centrale a scapito delle autonomie locali, che verranno interpretate da un nuovo Senato di fatto depotenziato e non realmente rappresentativo del territorio
5 - Contrappesi democratici indeboliti
  • per effetto del combinato disposto (legge elettorale + riforma) si aprirà una frattura democratica. Un partito che non ha la maggioranza nel Paese potrà avere la maggioranza assoluta dei seggi nella sola Camera chiamata a legiferare e potrebbe scegliere autonomamente il presidente della Repubblica e buona parte dei giudici della Corte Costituzionale e del Consiglio Superiore della Magistratura. Insomma, il Governo godrebbe di una maggioranza molto forte.


Para un blog es muy importante que el lector haga el esfuerzo de clicar en los botones sociales "Me gusta", "Tweet”, “G+”, etc. que están por debajo o a lado. Gracias.

Per un blog è molto importante che il lettore faccia lo sforzo di cliccare sui tasti social "Mi piace", "Tweet", “G+”, etc. che trovate qui sotto o a lato. Grazie

2 comentarios :

  1. Vedere anche:
    https://youtu.be/doGfrxHbLMA

    ResponderEliminar
  2. Una questione risolvibile con l'angolo retto...

    ResponderEliminar

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...