martes, 26 de julio de 2016

Pappagallo da guardia (per la serie "Vivere con i pappagalli")

Attilio Folliero, Caracas 26/07/2016


Vivere con dei pappagalli è stupendo. Io ne ho 3 e sono felicissimo. Li amo tantissimo e loro ricambiano l'affetto che ricevono. Sono animali di grande compagnia.  Dei tre pappagalli, il primi Portobello, un loro guaro, vive con noi dalla nascita, dal primo giugno 2003; ha quindi 13 anni e potete ben immaginare quanto gli vogliamo bene. Poi è arrivato Rocco, un loro carasucia; è arrivato l'11 aprile del 2012. Era piccolissimo e gli piaceva dormire sul mio petto. Ha fatto di tutto per farsi accettare da Portobello, che non voleva sapere niente di lui. Alla fine lo ha accettato e adesso sono una coppia e sono inseparabili. 

Un giorno, il 20 novembre del 2014 una vicina di casa ha bussato alla porta di casa mia per chiedere se fosse volato via il mio pappagallo. A casa sua era entrato uno e pertanto pensava che potesse essere mio. Lo prendemmo immediatamente.


Il pappagallo presentava dei problemi fisici: gli avevano tagliato in maniera barbara le ali e la coda e probabilmente lo maltrattavano anche, picchiandolo con un giornale. Quando mi avvicinavo con un foglio di giornale in mano lui si spaventava tantissimo. Durante la prima notte ebbe anche problemi di vomito, per cui la mattina seguente lo portammo dal veterinario, alla "Mision Nevado", dove lo visitò con amore e attenzione il medico veterinario Vincenzo Rocco. 

Grazie a qualche medicina e a tanto amore si è ripreso immediatamente. E' il piccolino della casa; è arrivato che aveva solo 4/5 mesi, per cui adesso ha 2 anni circa.

Ogni mattina si sveglia alle 7 e la prima cosa che fa è volare da me, nella mia camera da letto, per prendesi la prima razione giornaliera di carezze sulla testolina. Appoggiato sulla mia spalla, abbassa la testa ed io con la mano ad accarezzarlo dieci, venti minuti od anche mezz'ora fino a quando non è pienamente soddisfatto o fino a quando non si stanca la mano! Comunque dopo queste carezze, rimane sulla spalla ad aspettare tranquillo e in silenzio. Aspetta che io mi alzi. Come da commento lasciato in Facebook da una mia amica è un "pappagallo da guardia".

Una volta sceso dal letto, la prima cosa che debbo fare è preparare da mangiare per i tre pappagalli, due ricchi piatti (uno per Mago e l'altro per Portobello e Rocco, che mangiano insieme) con frutta varia, verdura, dei biscotti (tipo Maria, il meno dolce possibile), arepa, hallaquita, magari un po di pasta o riso del giorno precedente; ogni tanto un uovo sodo fa bene. Ovviamente bisogna tener conto che ognuno di loro ha delle esigenze, delle preferenze particolari: a Rocco piace tantissimo la parchita, a Mago piace il mango e l'albicocca; Portobello è cresciuto viziato; ha avuto da mangiare frutta esotica (per il Venezuela) come uva, mele, pere, noci, mandorle... tutta frutta oggi impossibile da reperire nel mercato venezuelano, o molto costosa. Ovviamente non mancano i semi di girasole ed una bella pannocchia. Durante il giorno avranno occasione di mangiare dell'altro, il nostro stesso cibo.

Portobello e Rocco inseparabili passano il giorno sempre insieme; il piccolino, Mago, invece vorrebbe stare sempre con noi, con me o mia moglie. Se la mattina viene da me per prendersi le carezze, durante il giorno passa più tempo con mia moglie. Il pomeriggio sul tardi, verso le sette guardiamo un po di TV in camera letto; anche in questo frangete Mago passa il tempo assieme a noi, nel letto, prendendosi una ricca razione di carezze da mia moglie, le ultime della giornata.

Finalmente alle 7 di sera, più o meno, tutti e tre vanno a dormire: Portobello e Rocco insieme in un lato e Mago in una gabbia, ben pulita e coperta con un panno. Nel luogo dove dormono trovano una razione di semi di girasole con biscotti ed ovviamente acqua. L'igiene ed il cibo è fondamentale per una vita sana e lunga di questi animali da compagnia. Quindi pulizia estrema ogni giorno e ogni qualvolta sporcano, fanno cacca; il cambio dell'acqua è estremamente importante, quindi gliela cambiamo mattina e sera. 

Prima di addormentarsi, mangiano sempre qualche seme di girasole, qualche chicco di mais, un pezzo di biscotto e bevono dell'acqua. Una caratteristica di Portobello e Rocco: loro inzuppano sempre il biscotto nell'acqua.
_________________

Para un blog es muy importante que el lector haga el esfuerzo de clicar en los botones sociales "Me gusta", "Tweet”, “G+”, etc. que están por debajo o a lado. Gracias.

Per un blog è molto importante che il lettore faccia lo sforzo di cliccare sui tasti social "Mi piace", "Tweet", “G+”, etc. che trovate qui sotto o a lato. Grazie

No hay comentarios :

Publicar un comentario en la entrada

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...