lunes, 23 de mayo de 2016

Siamo soli nell'universo? Il meteorite esploso sui cieli USA distrutto da un UFO per evitare che cadesse su un centro abitato?

Attilio Folliero, Caracas 22/05/2016

Siamo soli nell'universo? Io penso di no. Io penso che la vita, inclusa vita intelligente ed altamente sviluppata sia molto diffusa nell'universo, anzi credo che esista nel nostro stesso sistema solare. Io non penso ciò solo per la legge dei grandi numeri, ovvero per il fatto che l'universo è così grande, con centinaia e centinaia di miliardi di galassie, ognuna delle quali con centinaia di miliardi di soli e di pianeti; per la legge dei grandi numeri, appunto è altamente improbabile pensare che l'unico pianeta abitato dell'universo possa essere il nostro.

Io penso che miliardi di civiltà siano esistite ed esistano attualmente nell'universo. Affermo ciò per le ormai migliaia e migliaia di "avvistamenti" avvenuti dentro e fuori il nostro pianeta. Quante immagini, quanti video mostrano "oggetti" sconosciuti in movimento? Oggetti volanti non identificati (UFO) sono ormai praticamente avvistati e filmati quotidianamente dalle telecamere installate sui vari satelliti terrestri inviati nello spazio.

E' sufficiente pensare al satellite SOHO, lanciato per studiare il sole, che tante volte ha filmato oggetti volanti non identificati. Anche le telecamere installate sulla Stazione Spaziale Internazionale filmano spesso oggetti non identificati, che quasi sembrano controllare l'attività dei terrestri. Le immagini di queste telecamere HD installate sulla Stazione Spaziale Internazionale sono pubblicamente disponibili in diretta presso il sito della NASA all'url eol.jsc.nasa.gov/HDEV/, oppure presso Ustream.tv

Di questi avvistamenti, oltre a siti specializzati in UFO e misteri, spesso ne parlano anche i media mainstream come Il Fatto QuotiainoLibero Quotidiano, PanoramaDaily Mail, Metro, Russsia Today e perfino media specializzati in economia e marketing, come Market Business News. Un interessante articolo con video proveniente dalla Stazione Spaziale Internazionale è apparso per esempio su Veteran Today; lo stesso video nel sito del giornale venezuelano "2001", in lingua spagnola.

Sugli UFO avvistati dalle telecamere della Stazione Spaziale Internazionale invito a vedere il seguente videoprogramma in spagnolo di Jose Luis Camacho.



In conclusione oggetti "sconosciuti" sono ormai rilevati quotidianamente dalle numerose sonde terrestri, statunitensi, europee, russe, cinesi, giapponesi e indiane che viaggiano attraverso lo spazio. E che dire delle "stranezze" rilevate dalle varie sonde inviate a Marte o a Venere? Su Venere la sonda Magellano sembra aver rilevato addirittura strutture artificiali.

Il meteorite esploso il 17 maggio sui cieli USA

E veniamo al fatto più recente, avvenuto lo scorso 17 maggio, che sembra indicare non solo la presenza di civiltà aliene avanzate attorno a noi, ma addirittura sembra che "qualcuno" ci stia proteggendo, intervenendo ad evitare tragedie sulla terra.

All'alba del 17 maggio la telecamera istallata sul cruscotto dell'auto di servizio dell'ufficiale di polizia Tim Farris, impegnata a filmare automobilisti indisciplinati ha registrato anche una sorprendente esplosione nel cielo. Si è trattata dell'esplosione di un meteorite. Tim Farris era in servizio a Portland, nel Maine, nella zona nord-orientale degli Stati Uniti e come questo sergente altre centinaia di persone hanno osservato, fotografato e filmato questa esplosione visibile in numerosi stati: Manie, Vermont, New Hampshire, Massachusetts, Rhode Island, Connecticut, New York, New Jersey, Pennsylvania e parte del Canada (Ontario e Quebec).

Secondo funzionari del Museo di Mineralogia del Maine, il meteorite si è schiantato nei boschi del nord-ovest del Maine ed è stata offerta una ricompensa di 20.000 dollari per chi riuscirà a trovarne un pezzo.

Ovviamente tutti i media statunitensi, canadesi e mondiali hanno parlato di questo evento eccezionale. Di seguito il video trasmesso da FOX News e pubblicato da Disclose.tv.



La vera notizia, però è un'altra. Analizzando i vari filmati di questa esplosione, la American Meteor Society (AMS) ha evidenziato la presenza di un oggetto fluorescente misterioso che accompagna il meteorite nella sua corsa attraverso l'atmosfera. Nel video sottostante appare evidente la presenza di questo piccolo oggetto sconosciuto a lato del meteorite, che si presenta come una enorme palla di fuoco. Prima che il meteorite colpisse la città sottostante, l'oggetto sconosciuto che lo seguiva sembra entrare in collisione con il meteorite, facendolo esplodere.



Video dell'oggetto sconosciuto che fa esplodere il meteorite


Le foto indicano la presenza di un oggetto che accompagna il meteorite

Nel seguente video, filmato da una telecamera di sicurezza dell’aeroporto internazionale di Burlington, al minuto 2:02 si può vedere la enorme palla di fuoco, ovvero il meteorite, seguita da un secondo oggetto. Ad un certo punto, prima di toccare terra, provvidenzialmente questo oggetto esplode, emettendo un grosso bagliore; grazie a questa provvidenziale esplosione nel cielo si è evitata una tragedia di grandi proporzioni.



Il meteorite precipitato a Chelyabinsk il 15 febbraio 2013

Qualcuno potrebbe pensare che si tratti di un caso; eppure non è la prima volta che "un intervento provvidenziale" evita tragedie di grosse dimensioni. Era già successo il 15 febbraio 2013, quando "qualcosa" o "qualcuno" intercetta e colpisce il grosso meteorite che stava precipitando sulla città russa di Chelyabinsk.



Dal filmato si vede chiaramente che durante la caduta di un grosso meteorite (di almeno 17 metri secondo stime NASA) compare da dietro un oggetto luminoso non identificato (una nave spaziale aliena?) che si precipita sul meteorite e lo taglia di netto, deviandone la traiettoria; grazie a questo provvidenziale intervento il meteorite precipita su una zona a bassa densità demografica, evitando una tragedia di grosse dimensioni. Ala fine si conteranno 1.491 feriti, ma nessun morto. Per maggiori dettagli su questo caso vedasi Wikipedia ed un articolo di Oliviero MannucciSiamo soli nell'universo?
_________________

Para un blog es muy importante que el lector haga el esfuerzo de clicar en los botones sociales "Me gusta", "Tweet”, “G+”, etc. que están por debajo o a lado. Gracias.

Per un blog è molto importante che il lettore faccia lo sforzo di cliccare sui tasti social "Mi piace", "Tweet", “G+”, etc. che trovate qui sotto o a lato. Grazie

No hay comentarios :

Publicar un comentario en la entrada

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...